San Giorgio del Sannio: cittadinanza onoraria a Claudia Cretti

- Sport - Gli appuntamenti - Comunicato stampa

Il terribile incidente capitato ad una ciclista sulla discesa della “Zingara morta” nel corso di una tappa del Giro Rosa dello scorso anno suscitò molta preoccupazione e tenne con il fiato sospeso, per molti giorni, tutto l’ambiente, anche se non strettamente legato al ciclismo. Claudia Cretti, questo il nome della ciclista bergamasca della Valcar PBM, fu immediatamente ricoverata all’Ospedale RUMMO di Benevento ed affidate alle cure della equipe del prof. Giuseppe Catapano. Restò in coma, nel nosocomio cittadino, per 28 giorni prima che potesse risvegliarsi. Qualche ora dopo l’incidente, tra i primi ad accorrere all’Ospedale, due persone che nemmeno conoscevano la ciclista. Ma è noto che nell’ambiente esiste una sorta di fil-rouge, una forma di mutua assistenza che fa scattare una impercettibile solidarietà. Queste due persone, animate da una antica passione per lo sport delle due ruote sono Paolo Serino, ben noto negli ambienti delle due ruote, ed Arnaldo Pedicino, delegato della Federciclismo. Avevano appena assistito al passaggio della corsa da San Giorgio del Sannio quando il primo fu raggiunto da una telefonata sull’incidente e si precipitò con l’amico all’Ospedale. All’indomani giunsero a Benevento i genitori della ragazza.

I due dirigenti sanniti, nella austera anticamera della rianimazione ebbero l’opportunità di conoscere la mamma Laura, il papà Beppe, i giovani fratelli Giacomo e Sofia, una famiglia con il ciclismo nel sangue. Nel corso delle quasi quotidiane visite, in un andirivieni di giornalisti e troupe televisive, sui volti dei familiari si leggevano fasi di disperazione alternate alla speranza. In quei terribili giorni anche la gente più anonima, la città di Benevento e l’intero Sannio si strinse intorno alla famiglia Cretti, non facendo mai mancare il calore, i buoni auspici e le preghiere, soprattutto attraverso i social. Bastò poco a questa sconosciuta famiglia bergamasca per toccare con mano l’affetto e la simpatia del popolo sannita. Nel frattempo, tra la città di Benevento e la famiglia Cretti era nato un feeling particolare. E proprio attraverso i social che, al risveglio di Claudia, mamma Laura, stupita per tanto affetto, prima di lasciare l’ospedale, sentì il dovere di esprimere a nome della intera famiglia tutta la riconoscenza nei confronti della città, degli amici occasionali con una citazione particolare per i due dirigenti sangiorgesi, Paolo ed Arnaldo. Era nata una amicizia naturale come solo nel mondo del ciclismo può accadere.

A novembre, la famiglia Cretti tornò a Benevento per ringraziare medici e personale dell’Ospedale Rummo. Poi in serata partecipò alla annuale festa del Veloclub Sangiorgese per la consegna dei “Premi Amico del Ciclismo” assegnato in quella edizione al campione Damiano Cunego, al giornalista Luca Gialanella ed al presidente provinciale di Confindustria Filippo Liverini. Un premio straordinario toccò proprio alla Famiglia Cretti suggellando così un’amicizia nata in un momento di grande difficoltà. E fu proprio in quella occasione che, unitamente al sindaco On.le Mario Pepe, maturò l’idea per il conferimento della Cittadinanza Onoraria. Ora Claudia sta bene ed alterna palestra a lunghe uscite in bicicletta con il fratello Giacomo ed il papà Giuseppe. La cerimonia di conferimento è fissata presso l’Auditorium Comunale “Al Cilindro Nero” di San Giorgio del Sannio per le ore 17,30 di giovedì 6 settembre alla presenza del sindaco On. Prof. Mario Pepe e dell’Amministrazione Comunale. Poi, in serata, alle 20,30 con la regia di Paolo Serino e di tutto il Veloclub Sangiorgese asd del presidente Giovanni Mirra, cicloamatori proveniente dalla Campania e dalle regioni limitrofe, daranno vita ad una suggestiva gara ciclistica sul circuito cittadino dal titolo “NOTTURNA sullo STRADONE”, conclude la nota diffusa alla stampa.