Carabinieri, controlli a tappeto in Valle Caudina

- Cronaca - Gli appuntamenti - Comunicato stampa

Nell’ambito di specifica attività info-investigativa, svolta nei territori dei comuni ricadenti nel territorio della Valle Caudina, dove di recente si è registrata una recrudescenza di episodi delittuosi contro il patrimonio, i Carabinieri della Compagnia di Montesarchio con l’impiego complessivo di 40 militari, alcuni di rinforzo delle altre Compagnie del Comando Provinciale di Benevento, hanno effettuato numerosi controlli straordinari e perquisizioni nei confronti di persone di interesse operativo.

Nel corso di tale attività di polizia giudiziaria - ricorda la nota diffusa alla stampa - nell’abitazione di un disoccupato 39enne di Sant’Agata de’ Goti i militari hanno rinvenuto 770 grammi di marijuana, 3 piante in pieno stato vegetativo di cannabis e l’attrezzatura per la coltivazione ed il confezionamento dello stupefacente, compreso un bilancino di precisione. Nel corso della stessa perquisizione domiciliare i militari hanno rinvenuto nell’armadio della camera da letto dei frammenti di materiale in terracotta ritenuti di interesse archeologico. Pertanto, l’uomo è stato deferito alla locale Procura della Repubblica per il reato detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e ricettazione di materiale di interesse storico-archeologico senza averne denunciato il ritrovamento alla competente autorità.

I controlli inoltre hanno permesso anche di segnalare 2 persone, uno di Montesarchio e l’altro di Sant’Agata de’ Goti, quali assuntori di sostanze stupefacenti, poiché trovati rispettivamente in possesso di 3 grammi di hashish e 2 gr. di marijuana. Tutto il materiale rinvenuto è stato posto sotto sequestro in attesa della relativa distruzione, mentre i frammenti dei reperti, che da una prima stima potrebbero essere risalenti al VII secolo A.C., sono stati consegnati al responsabile del Museo Nazionale di Montesarchio per gli approfondimenti del caso e la loro catalogazione.