Benevento - L'apertura di Mc Donalds ingolfa ovviamente il traffico. Il rimedio ipotizzato peggiore del male

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

In barba a qualunque previsione canora, c’è voluta davvero la zingara per comprendere quanto l’apertura dell’hamburgherificio avrebbe insistito sulla viabilità cittadina, creando ‘qualche’ scompenso al traffico e disagio ai residenti della zona. Zona che, converrà ricordare, è posta al confluire fra arterie che menano alle (e dalle) tangenziali e che aiutano a ‘liberare’ il fitto (ma proprio fitto) abitato da via Nicola Sala a salire (leggi sul Vaglio, già all’indomani dell’inaugurazione).

Ora, il giovane (di nomina) comandante della Polizia Municipale di Benevento scopre che – ha scritto Ntr24 - “l’unica soluzione percorribile è quella del buon senso e della fattiva collaborazione dei cittadini”. Non a caso: perché dove non arriva il buon senso delle istituzioni, inteso come logica da applicare alla risoluzione di un problema, è chiamata, e senza alcuno ‘scuorno’ provato, a sopperire la resilienza dei cittadini.

Sempre il sito di informazione, che ha intervistato il comandante, rievocando anche “conseguenze in alcuni casi di ordine pubblico”, ci prospetta l’eventuale soluzione di “una viabilità alternativa nell’area con l’istituzione di sensi unici, probabilmente su via Vetrone”. Ovviamente se la situazione non dovesse mutare, se cioè persistesse in alcune ore della giornata un flusso di curiosi e affamati così corposo. Viceversa, uno standard accettabile di consumatori di panini (che a quanto pare è l’auspicio per il futuro prossimo perché “non va certo escluso che la congestione del traffico di questi giorni sia dovuta alla concomitanza delle festività natalizie”) contribuirebbe alla normalizzazione dell’area - dove comunque a ridosso del semaforo basteranno ugualmente poche vetture per creare arditi stop-and-go.

Ricapitolando: dal Comune di Benevento nessuna capacità d’immaginazione della pure facile previsione del congestionamento del traffico, nessun successivo tampone all’eccezionalità, solo un sostanziale e silenzioso riconoscimento all’anarchia automobilistica, addirittura la mera ipotesi di un (eventuale) studio per le modifiche alla viabilità, con un intervento pubblico che solo a prima vista parrebbe tutelare i cittadini (che infatti potrebbero perdere la possibilità di fruire di due sensi di marcia sulla medesima strada) mentre, al contrario, si rivelerebbe d’ausilio a una intrapresa economica di carattere privato. Meglio buttar giù qualche patatina…