Mi si nota di più se mantengo aperte le scuole o se le chiudo? La pubblica istruzione al tempo di Mastella

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
La scuola 'Federico Torre' in Benevento
La scuola 'Federico Torre' in Benevento

Cercando titoli, sono stati trovati. Non poteva, infatti, passare inosservata né apparire solo voce dal sen fuggita l'ultima esternazione resa dal sindaco di Benevento Mastella a margine di un incontro istituzionale in Prefettura con il capo della Protezione Civile nazionale Borrelli. “Sto pensando di chiudere le scuole il sabato per limitare l'inquinamento prodotto dagli impianti di riscaldamento. In questo modo proveremo a rendere più salubre l'aria della città di Benevento”, questo quanto riportato dai media, tracimando dall'ambito locale.

La modesta proposta, ponendo al centro dell'interesse (pubblico) i bambini e i ragazzi, ha una non vaga attinenza con quella del reverendo Swift: duecento anni fa il problema era il sovrappopolamento, oggi le polveri sottili. In entrambi i casi, però, alla base c'è un «un metodo onesto, facile e poco costoso»: in Irlanda, quello di far ingrassare i bambini per sottrarre alle famiglie indigenti il costo del loro mantenimento (in pratica l'abolizione della povertà preconizzata nei tempi moderni da un modesto politico) e darli letteralmente in pasto ai ricchi; in Italia, a Benevento, quello di educare all'ignoranza riducendone la frequenza scolastica e favorendo nel lungo termine la letargia del pensiero critico (oltre che riscrivere, senza averne titolo, il calendario didattico).

D'altra parte quella di sbarrare i portoni delle scuole è la soluzione più a portata di mano e meno gravida di responsabilità, sia che si tratti delle gradazioni cromatiche degli allarmi meteo che delle vibrazioni del terreno o, appunto, dello smog.

E se magari per un giorno a settimana, il sabato del villaggio del sindaco, venissero serrate le porte di uffici e/o dei centri ed esercizi commerciali e interrotto il traffico veicolare infittendo la ragnatela del trasporto pubblico in ossequio a un 'comandamento' di Mastella che ha detto: “Che si cammini un po’ a piedi non è male. Io tutelerò la salute dei miei concittadini”? Non succederà, ovviamente, mentre è accaduto e accadrà che, a ogni stormir di fronde, a Benevento possa essere impedita la pubblica istruzione.