Altrabenevento sollecita la ASL a comprare l’ex palazzo INPS: ‘Conviene’

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Il presidente dell’associazione Altrabenevento Gabriele Corona ha scritto una lettera aperta ai vertici del servizio sanitario regionale e nazionale per chiedere il perché la ASL di Benevento non abbia acquistato il grande palazzo ex INPS al prezzo molto vantaggioso di 2 milioni e 100 mila euro. Di seguito il testo: Altrabenevento ha inviato questa mattina una lettera al Direttore Generale della ASL di Benevento, al presidente e all'assessore alla Sanità della Regione Campania e al ministro della Salute in merito al mancato acquisto del grande palazzo ex INPS nel quale si potrebbero collocare gli uffici e i servizi sanitari oggi dislocati in sedi periferiche.

La ASL di Benevento aveva avviato agli inizi dello scorso anno una trattativa per acquistare l'edificio di 12.000 metri quadrati in via Nicola Calandra, al centro della città con ampio parcheggio che grazie a pochi lavori di manutenzione sarebbe diventato funzionale e comodo per gli utenti e per i dipendenti del servizio. Quella trattativa, però, è stata interrotta proprio dalla ASL e pertanto il proprietario del palazzo, la società Investire SDG spa di Roma, lo ha venduto alla società Carbet srl di Pietradefusi (AV) per soli 2 milioni e 100 mila euro.

Si tratta di un grosso affare per la società avellinese che ha già chiesto al Comune di Benevento il permesso per abbattere l'edificio e costruire appartamenti di lusso e un nuovo ipermercato al centro della città che sconvolge i piani urbanistici e commerciali con gravi ripercussioni anche sul traffico e l'inquinamento dell'aria.

Dopo la diffida di Altrabenevento il Comune non ha ancora firmato le necessarie autorizzazioni per questo permesso e quindi questa associazione chiede alla ASL di verificare la possibilità di acquisire quel palazzo invece di continuare a pagare ogni anno 560.196 euro per l'affitto di soli tre immobili privati: la sede di via Patrizia Mascellaro, il servizio farmacologico di via Trieste e Trento e il dipartimento di Salute Mentale di via Grimoaldo Re.

Vi sono certamente finanziamenti regionali e nazionali da utilizzare per acquisire quella sede ma basterebbe anche un mutuo da restituire in 4 anni proprio con i soldi degli affitti risparmiati.