Il saluto a colpi di "XX" al presidente Mattarella da parte del sindaco di Benevento: l'enigmatico manifesto

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Forse sono rimasti solo loro, i pensionati. E nemmeno tutti, ma solo quelli cui il trascorrere naturale del tempo non ha inferto danni all'apparato visivo. Ecco, insomma, chi - al tempo di internèt, uozàpp o feisbùc – s'affanna a scorrere le parole dei manifesti affissi sui muri per mantenere almeno qualche punto di contatto con la realtà quotidiana.

Le affissioni, queste benvenute.
E così tra il caffè d'orzo del mattino e il brodo del pranzo che sa tanto d'inverno, la passeggiata mattutina permette di scoprire che martedì 28 gennaio è data da ricordare per il patriottismo locale: arriva a Benevento il Presidente della Repubblica Mattarella ed il sindaco in rima, Mastella, ha appunto tappezzato le vie di manifesti, rivolti ovviamente ai concittadini, in cui avverte il dovere di invitarli al suo fianco “per accogliere con entusiasmo ed affetto” la prima carica dello Stato.

Si dirà: tutto normale o quasi. No, come sempre il primo cittadino eccelle, perché appare chiaro che il suo pensiero è rivolto proprio alla specifica categoria dei lettori-pensionati. Nel testo che fa bella mostra di sé sui muri con tanto d'intestazione del Comune di Benevento, infatti, si celano un paio di indizi misteriosi che a loro volta costituiscono un recondito invito a tenere in moto il cervello, esercitando neuroni affaticati per età.
Inutile che i giovani, che non avranno letto, allertino le loro meningi, solo l'abitudine a vivere il giovedì come un giorno messianico (arriva in edicola La Settimana Enigmistica) potrà favorire nell'eletta categoria degli ormai senza più lavoro la soluzione.

E così, in senso crescente per difficoltà:
1 - nel citare l'itinerario seguito dal presidente Mattarella, Mastella scrive che dopo l'arrivo in stazione egli si dirigerà, per visitare il Museo del Sannio, verso la “piazza antistante la Chiesa di Santa Sofia”. Come si chiama questa piazza?

2 - ancora: il Capo dello Stato, si legge sempre sul manifesto, “farà dunque nuovamente tappa a Benevento dopo (XX) anni”.
Ebbene: al posto delle due incognite in parentesi quale cifra andrà indicata? Perché è noto – dovrebbe esserlo – che non sono certo venti gli anni trascorsi da quando un altro Capo dello Stato è giunto a Benevento.

Le risposte ai due quesiti vanno riportate su cartolina postale scrivendo semplicemente il nome del personaggio storico omesso e il numero richiesto, e indirizzando il tutto al Comune di Benevento, via Annunziata (palazzo Mosti).
E' vero, dimenticavo, il premio: i primi dieci solutori saranno chiamati a stilare la lettera delle annunciate dimissioni del sindaco, disseminandola di punti oscuri in modo da non far emergere alcuna differenza fra la politica e la verità.