Mastella show: non sarà col centrodestra alle Regionali, può ritirare le dimissioni e tira in ballo la Madonna

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Questa mattina a Napoli, nella sede della Giunta Regionale della Campania, è stato firmato l’Accordo di Programma Integrato per la Città Sostenibile (PICS) per il Comune di Benevento, da Vincenzo De Luca, presidente PD della Giunta Regionale, e Clemente Mastella, unico sindaco di Forza Italia nei cinque capoluoghi di provincia campani. Sono stati annunciati 13 progetti da finanziare con 16 milioni di euro. Pics è un acrononimo che individua i piani per l’utilizzo di fondi europei per la riqualificazione urbana; è stato previsto tra l'altro anche il restauro interno ed esterno della Stazione ferroviaria centrale di Benevento, in vista della messa in funzione della futura linea ad Alta Capacità e Alta Velocità sulle tratte Roma–Bari e Napoli–Bari. Nessuna tempistica certa è stata data sulla realizzazione di quanto annunciato. Tra gli annunci quello della eliminazione di tre passaggi a livello nell'area di Benevento.

A margine della firma Mastella ha ribadito che non voterà alle prossime regionali il candidato governatore appoggiato dalla Lega, dato che il commissario regionale della Lega, Nicola Molteni, ha annunciato, nella sua recente venuta nel Sannio, che la Lega a Benevento non voterebbe lui come nuovamente candidato a sindaco: “Non vedo perché dovrei appoggiarlo io: il candidato della Lega non sarà il mio candidato e diventa insostenibile al Sud“. Mastella non ha voluto poi aggiungere altro sulle elezioni regionali di primavera e su un suo eventuale ritorno nel centrosinistra o in appoggio a Vincenzo De Luca: “Mi fermo qua. Dico solo che il candidato della Lega di certo non è il mio“.

E però con Mastella non si può essere mai sicuri di niente. Infatti da un lato: 1) stamattina ha addirittura adombrato una clamorosa e grottesca possibilità di retromarcia, revocando le già date dimissioni - "irrevocabili !" - da sindaco di Benevento. In merito ha detto: "Non ho ancora deciso, si potrebbe ricomporre con un'alleanza di buona volontà e di persone serie” (che sono i consiglieri comunali di Benevento della sua maggioranza evidentemente non considerati tali quando si è dimesso); 2) dall'altro lato, sempre stamattina, è apparso molto sulla scia dello stile di Matteo Salvini, il leader della ripudiata Lega, nel tirare in ballo addirittura la Madonna in queste mere faccende politiche. Salvini fa riferimento all'Immacolata Mastella invece ha scandito: "Andrò dalla Madonna delle Grazie a chiedere conforto poi, in piena coscienza, deciderò se confermare o meno le dimissioni da sindaco". Dunque, anche Mastella non scherza solo coi fanti... In ogni caso, questa vicenda delle dimissioni che da seria rischia di trasformarsi in farsa avrà un termine: potranno essere ritirate da Mastella entro il 23 febbraio, se non accadrà si andrà a votare a breve per il sindaco e il consiglio comunale di Benevento, assieme alle elezioni regionali. Altrimenti, si andrà a scadenza naturale, nella primavera del 2021.