E venuto a mancare a Benevento Don Luigi Caturano

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
La Curia Arcivescovile di Benevento
La Curia Arcivescovile di Benevento

Dove c’era lui, c’erano i giovani. Benevento perde don Luigi Caturano, parroco, leggendario sacerdote che a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta emerse sulla scena cittadina per le sue iniziative rivolte ai ragazzi. Insegnante di religione al liceo classico Pietro Giannone, calamitò attorno a sé le vivacità creative di una generazione con il suo Ctg e tantissimi altri progetti portati avanti con rigore e, soprattutto, con incrollabile fede.

Originario di Montesarchio, Don Luigi sapeva avvicinare. Interpretava la missione sacerdotale in maniera spigliata, con formule che rompevano con una tradizione centenaria, anche se ancorate a un’ortodossia cattolica ben definita.

Quando era parroco di Santa Teresa, aveva capito che i ragazzi si annoiavano ad ascoltare le messe troppo lunghe. Senza fare la predica, in una ventina di minuti, la domenica mattina, riusciva a iniziare e finire la celebrazione. Poi, usciva in strada e parlava ai suoi ragazzi che affollavano le scalette e la piazzetta Sabariani. Da tempo molto malato e oltre i novanta, soltanto sette anni fa era stato festeggiato alla Pietà per il sessantesimo di attività e per i 50 anni del Ctg.

Per l’occasione, Rosa Russo Iervolino, sua amica, ex sindaco di Napoli ed ex ministro, venne a Benevento per rendergli omaggio. Con don Luigi scompare una figura di riferimento per almeno tre generazioni di cattolici beneventani che ha guidato da giovanissimi attraverso le straordinarie avventure delle gite del Ctg e innumerevoli stagioni di formazione umana e religiosa.