Il postino bussa sempre... Pensieri e parole vagliati freschi, freschi dai social

- Opinioni IlVaglio.it

Chi mangiava i bambini e chi ce parea 'ncuoll'
Allora facciamo un piccolo riepilogo. La Cina (comunista) invia 31 tonnellate di materiali ed attrezzature, più uno staff di medici esperti per combattere la pandemia. Cuba (comunista) mette a disposizione della sanità lombarda un team di 65 dottori esperti virologi. Il resto del mondo (capitalista) se ne sbatte di noi e come se non bastasse ce parea pur ncuoll.
Ciro S.
*
Il dato della coerenza
Molti sostengono che il dato sugli infetti possa essere viziato dal numero dei tamponi e che il dato sui morti possa essere viziato dalle autopsie (distinguendo i decessi di Coronavirus da quelli con Coronavirus), ma un dato meno volatile riguarda i casi in terapia intensiva. Se si assume che i "serious critical" siano il dato più certo, i positivi in Italia potrebbero essere più di 90.000. Con la stessa proporzione anche il numero di morti è coerente.
Massimiliano B.
*
Missionari da paura
Per tutti quelli che pensano di avere informazioni di prima mano e continuano a condividere notizie... Per tutti quelli che postano immagini di donne e uomini in terapia intensiva... La domanda è la seguente: pensate di avere una missione?
Carmine V.
*
I tempi delle mancanze
Quanto è strana la vita: avevamo le persone ma non avevamo il tempo.
Ora abbiamo il tempo, ma ci mancano le persone.
Ettore G.
*
Buongiorno arrabbiato

Non ce la posso fare. Tutti Programmatori sanitari e tutti epidemiologi e statistici. Tutti Governanti. Forse mi ritiro da questo Social. Ultimo tentativo: 1) il confronto con la Cina va fatto con la sola provincia di Hubei (ha milioni di abitanti e non miliardi) confinata militarmente. In Italia volete tutti Mussolini che, vi ricordo, non ha mai combattuto seriamente la mafia se non i picciotti ed era corrotto pure lui: leggetevi la tangente americana, motivo dell' omicidio Matteotti. Volete Mussolini na non avete rispettato una cazzo di regola. Quindi cialtroni.
Al denominatore per la conta dei morti va messo il numero totale dei casi, il tasso poi deve essere standardizzato per sesso e per età soprattutto. Inoltre le condizioni di salute degli italiani che aggiungono vita agli anni. Inoltre la circolazione in Italia nel triangolo industriale non è paragonabile in una area densa a tutta quella della provincia di Hubei.
Franco V.
*
Mi sovviene la polemica sul burka, quanti secoli fa era?

Metto il muso fuori di casa per fare spesa dopo 11 giorni (non corro, non ho cani). Se avessi avuto una dispensa più fornita, tre giorni e finivo pure la quarantena. Per strada provo un senso di spaesamento, mi sembra di fluttuare, devo concentrami per andar dritta sul marciapiede. Mascherina e grandi occhiali da sole, si potrebbe incontrare conoscenti e amici e neppure riconoscersi. E allora all’improvviso mi sovviene il ricordo della polemica del burka, fiumi di inchiostro sul burka, quanti secoli fa era?
Maria Claudia S.
*
La casa del Grande Fratello e il virus

Qualche giorno fa ha conquistato ritagli anche sulla stampa locale la storia di una giovane infuencer e modella di origini sannite, che ha lasciato il Grande Fratello (ritenuto) vip, caduta sotto la mannaia – dicono – del televoto e di qualche sonora gaffe. Pare sempre si sia ripetuta (quanto a gaffe) anche dopo l'uscita dal format televisivo, avvenuta purtroppo per lei nella desolazione causa gli eventi morbosi che stiamo vivendo, e prima di mettersi comunque in marcia verso il nido familiare, in quel di Cusano Mutri. Un viaggio durante il quale ha scoperto lo sgomento in cui vive il Paese, e pure il suo paese, la cui eco s'è infranta sulle mura esterne della famosa 'casa', estranea alla realtà ma spacciata per tale. E appunto nella fiction che è divenuta realtà è possibile pure immaginare l'incubo distopico di un virus che spazza via il mondo. E di conseguenza affida la rinascita del genere umano agli ignari soli sopravvissuti: i reclusi della casa del Grande Fratello, vip o meno...
Oreste C.