Scoperte elettorali: l'improbabile cerimonia per la futura riapertura del Comunale di Benevento, chiuso da 8 anni

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Nell'iconografia ufficiale che immortala l'evento li ritroviamo ripuliti, alle spalle dell'interlocutore istituzionale di turno dinanzi a obiettivi, telecamere, smartphone. Eppure, solo qualche ora prima, alle prime luci del mattino, i gradini dinanzi agli ingressi del teatro Vittorio Emmanuele, alla sommità del corso Garibaldi, recavano i consueti segni dell'abbandono che, a partire sin dal 16 luglio a questo punto, dovrebbe essere solo un ricordo.

Il giorno della virtuale 'prima pietra' - la consegna, alla ditta che ne accudirà il rifiorire, dei lavori di manutenzione e restauro della struttura chiusa da otto anni e che “nel giro di una decina di mesi dovrebbe tornare al suo antico splendore” (Gazzetta di Benevento) – ha dunque assunto il valore simbolico di una nuova nascita in virtù della pietosa opera di pulizia dell'ingresso perché alla sostanza (poi scoperta putrefatta) di una struttura in disuso almeno non s'accompagnasse l'apparenza mediatica di una struttura vandalizzata anche nei suoi esterni - come peraltro accaduto con puntualità durante il lento scorrere del tempo dell'assenza.

Fra un anno circa ci sarà un nuovo sindaco a Benevento, che potrebbe essere lo stesso di oggi. Sarà chiamato a un momento certo più concreto dell'odierno simbolismo pre-elettorale (in chiave elezioni regionali a settembre e comunali in primavera), ovvero l'eventuale schiudersi delle porte dello storico teatro, se di concerto con il rispetto dei tempi dati, e poi della amministrazione del ritrovato 'tesoro' culturale, il cui 'splendore' si dovrà – meglio specificarlo - a fondi in alcun modo di estrazione locale (altrimenti l'ultima fermata era la morte certa).

Sui fatti di domani, piuttosto che su improvvisati tagli di nastri, verrà misurata la capacità di far fruttare il patrimonio (se sarà) restituito. Eppure, un piccolo brivido corre lungo la schiena: chissà cosa potrebbe organizzare nel Teatro Comunale un Renato Giordano...