Movida, ancora una Ordinanza del sindaco Mastella: regolamentati gli orari delle attività commerciali. Ma poi il sindaco si corregge

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
foto di repertorio
foto di repertorio

Con l'Ordinanza n. prot. 71415 del 22 luglio 2020 il sindaco di Benevento Mastella ha inteso 'riorganizzare' il complesso di attività cittadine che si collega alla cosiddetta 'movida'. Ed infatti, dopo aver "premesso che:

alcune aree del centro storico cittadino, specie nelle serate del sabato e nei giorni prefestivi nonché nelle notti successive, costituiscono abituale ritrovo di numerosissime persone, prevalentemente di giovane età, che affollano strade e piazze richiamate dai numerosi esercizi e locali pubblici esistenti nella zona;

l'animazione del centro storico e la frequentazione di locali ed esercizi pubblici (c.d. movida), benché non possano essere viste, di per sé, con disfavore, presentano tuttavia riflessi negativi in termini di circolazione veicolare e parcheggio, di igiene urbana, di quiete pubblica, di fruibilità di spazi e infrastrutture pubbliche;

considerato che:

gli inconvenienti di cui in premessa hanno destato le rimostranze dei residenti nelle aree interessate, delle quali si è ripetutamente reso interprete il Comitato di quartiere Centro Storico; dal descritto fenomeno discendono inevitabilmente affollamenti e assembramenti tuttora vietati, nonché l'inosservanza della prescritta distanza interpersonale di almeno un metro;

ritenuto:

di dover arginare l'eccezionale afflusso di persone nel centro storico, nell'intento di limitare il conseguente pregiudizio al decoro e alla vivibilità urbana, oltreché di mitigare il rischio di una recrudescenza dell'epidemia da COVID-19 che non risulta ancora completamente debellata

ordina:

ai titolari di esercizi pubblici e commerciali, anche di natura temporanea e ambulante, ai titolari di attività artigianali con vendita di alimenti, ai circoli privati e agli organizzatori di manifestazioni in luogo pubblico siti nell'area del centro storico cittadino - delimitata da Piazza Orsini, Piazza Duomo, Corso Vittorio E., Viale dei Rettori, Via del Pomerio, Via Perasso, Piazza Risorgimento, Via XXIV Maggio, P.zza Castello, Via del Sole, Via delle Puglie, Via dei Mulini, Via G. Rummo, nel periodo dal 24 luglio 2020 fino a tutto il 10 gennaio 2021, la cessazione delle rispettive attività nei seguenti giorni ed orari:

dal lunedì al giovedì alle ore 24; il venerdì, il sabato e nei giorni prefestivi alle ore 2 del giorno successivo; la domenica e giorni festivi alle ore 24. Poi però Mastella si è corretto. E' ha inviato ai giornali una 'errata corrige' alle 17.35 in cui ha spostato in avanti di un'ora la cessazione dell'attività nei 5 giorni dalla domenica al giovedì e nei giorni festivi (ora potrà cessare all'una e non più alla mezzanotte), è restata invece inalterata la originaria ordinanza per il venerdì e il sabato e i prefestivi (si potrà chiudere alle 2 di notte).

Agli stessi è fatto obbligo: di osservare i limiti di emissioni sonore prescritti dalle vigenti leggi e regolamenti; di vendere e somministrare bevande di qualsiasi tipo in appostiti bicchieri monouso, con esclusione quindi della vendita in bottiglie di vetro o in lattine metalliche; di provvedere alla raccolta differenziata dei rifiuti derivanti dall'attività svolta mediante appositi contenitori e di lasciare l'area pulita al termine delle manifestazioni, così come previsto dalle Ordinanze Sindacali disciplinanti il Servizio di raccolta dei rifiuti urbani in ambito comunale".