Mensa - Il Tribunale del Riesame di Benevento accoglie le ragioni della Ristorò: annullato il sequestro dei beni per oltre un milione

- Cronaca IlVaglio.it
Giovanni Conzo
Giovanni Conzo

Il Tribunale del Riesame di Benevento ha annullato il sequestro dei beni per oltre un milione di euro disposto dal Giudice per le indagini preliminari, Flavio Cusani, l'8 novembre scorso, su richiesta della Procura della Repubblica. Era stato effettuato a carico dell'amministratore di diritto, Maria Rosaria Favino, e del gestore di fatto della Ristorò, Rossana Porcelli Barretta, la società per anni e fino al 2015 ha gestito il servizio di mensa scolastica in 15 istituti di Benevento e in 6 strutture sociosanitarie dell'Asl in provincia.

Il 1° dicembre il Riesame, composto da Daniela Fallarino (presidente), Antonietta Cubelli e Simonetta Rotili giudici a latere, ha esaminato e quindi accolto il ricorso contro il provvedimento presentato dal legale delle due indagate per truffa e frode nelle pubbliche forniture.

L'esercizio delle misure cautelari reali (sui beni degli indagati) anziché sulla loro libertà personale fu uno degli elementi evidenziati . come più efficace - dal procuratore della Repubblica facente funzioni, Giovanni Conzo, nel corso della conferenza stampa. In questa, sulla base di quanto dichiarato da lui e dai massimi esponenti del Comando della Guardia di Finanza, è emerso un quadro inquietante, gravissimo sulle modalità di svolgimento

del servizio, una sorta di mensa degli orrori: clicca e leggi l'articolo del Vaglio.it in merito.
Nei fatti, l'adozione di quelle misure non ha retto al vaglio del Tribunale che ne ha escluso l'applicazione per l'inesistenza del reato di truffa. Tra un mese saranno rese note le motivazioni del Riesame. Allora si saprà se, a sua volta, la Procura le impugnerà davanti alla Corte di Cassazione.