Nessuno passi per quella strada: Via Francesco Flora (e la sua centralina di rilevamento dell'inquinamento dell'aria...) è diventata un tabù, ma un giorno sì e un giorno no

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

A Benevento, dopo il 24 novembre, per la seconda volta è sospesa la circolazione dei veicoli. Anzi per la terza volta: c'è un ambo festivo, nella seconda settimana di dicembre. Lo ha reso noto un'ordinanza del sindaco Mastella il quale, assieme all'assessore Russi, aveva reso noto il 29 novembre - cioè solo qualche giorno dopo il primo stop - il "netto miglioramento della qualità dell'aria in città".

Nemmeno il tempo di scriverlo che quanto comunicato è stato subito contraddetto da uno sforamento di tre giorni consecutivi (4/5/6 dicembre) del valore massimo consentito della media giornaliera in tema di polveri sottili (PM10): dunque il nuovo blocco. E senza ricorso ad alcun informale "referendum", come avrebbe voluto Mastella che ha lanciato l'ideona sul suo profilo Facebook: ci ha pensato la realtà a ridurre la deresponsabilizzazione decisionale condita in salsa social.

Comunque non è affatto una cattiva idea, quella di ridurre un po' il pericolo per la salute pubblica, e provvedimenti del genere, pur col loro prevedibile carico di qualche disagio, vanno accolti con favore. Ma il ripetersi a distanza così ravvicinata dell'adozione di tali misure le fa apparire come occasionali quando, invece, si avverte la necessità che esse compiano un salto di qualità diventando strutturali - e avrebbero allora bisogno di adeguata programmazione, cioè il contrario di quanto posto in essere in queste ore giusto per correre ai ripari.
In proposito, molto si è speso il consigliere comunale del Pd Feleppa, le cui considerazioni meritano infatti un'attenta lettura (si vedano i link in calce).

Piuttosto, è curioso che il blocco alle auto avvenga in un perimetro preciso: via Mustilli (tutta); via Schipa, dall’incrocio con via Guglielmo di Tocco; via Calandra, da incrocio con via Nicola da Monteforte a incrocio con via Nicola Sala; via De Caro (tutta); via Carlo da Tocco (tutta); via Salvator Rosa da via De Caro all'incrocio con via Nicola Sala; via Flora (tutta).

Guardando il bel disegno allegato dal Comune alla nota stampa si scorge magari un profilo artistico astratto, dal quale rimane però esclusa la concretezza del perimetro di un'area tutta limitrofa... alla centralina che analizza i valori (andati sopra media) posta in via Francesco Flora. Insomma, è come dire: alleggeriamo, con un paio di giornate di astinenza da automobile, il peso dell'aria inquinata soprattutto attorno al malefico strumento perché allenti la presa delle sue brutali (per la nostra salute) raccomandazioni.


L'occasione, invece, avrebbe dovuto rivelarsi propizia per imporre la chiusura all'intera area urbana, predisponendo un ovvio piano alternativo, fra mezzi pubblici e parcheggi, ad esempio. Anche perché non è detto che altrove, in zone distanti da via Flora o dove non ci sono centraline di rilevamento, si respiri meglio.

***

Sul tema si leggano anche:
http://ilvaglio.it/article/4668/polveri-sottili-giovedi-8-e-domenica-11-vietata-la-circolazione-in-alcune-zone.html

http://ilvaglio.it/comunicato-stampa/12584/polveri-sottili-le-proposte-di-feleppa-pd-in-commissione-mobilita.html

http://ilvaglio.it/article/4617/sulle-domeniche-senza-auto-mastella-faccia-il-sindaco-e-decida-in-un-modo-o-nell039alltro.html

http://ilvaglio.it/article/4591/prodigio-da-polveri-sottili-nelle-nebbie-della-memoria-dall039austerity-al-fantasma-di-una.html

http://ilvaglio.it/comunicato-stampa/12408/stop-al-traffico-per-le-polveri-sottili-ma-fateci-andare-in-bici.html

http://ilvaglio.it/article/4567/troppe-polveri-sottili-nell039aria-a-benevento-giovedi-24-novembre-vietata-la-circolazione.html