Comune di Benevento, giunge a conclusione il concorso per dirigente di area tecnica: prove esaurite, la graduatoria

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Giunge a conclusione, al comune di Benevento, una procedura concorsuale travagliata ancorché datata, quella per la copertura di un posto a tempo indeterminato di dirigente di Area tecnica.

Infatti, più che la scoperta del nome del vincitore (che comunque è l'ingegnere beneventano Maurizio Perlingieri), il concorso ha riservato sorprese in altri campi. Indetto nel lontano mese di ottobre del 2014, con in calendario già tutte e tre le prove previste (due scritte, una orale - da espletare entro la fine di novembre 2014) e quando alla guida di palazzo Mosti era il sindaco Fausto Pepe e dirigente del settore Opere Pubbiche, a tempo determinato, era Isidoro Fucci (dall'1 marzo 2014), s'era arenato piuttosto in fretta. A una manciata di giorni dalla data della prima prova scritta, causa l'incompatibilità sopravvenuta - proprio sul filo di lana - del presidente della Commissione d'esame, l'allora dirigente comunale Aniello Moccia, per la presenza del figlio nelle varie procedure previste dall'ente.

Ricomposta con calma la Commissione, ad ottobre 2015 giunse questo tempo degli scritti ed a dicembre del medesimo anno l'ammissione agli orali, anticamera della conclusione, di cinque concorrenti: Demetrio Beatino, Giovanni Napolitano, Santina Napolitano, Maurizio Perlingieri, Americo Picariello (in ordine di punteggio dell'epoca).

Prorogata di sette giorni la data degli orali per motivi ufficialmente non resi, arrivò poi ancora una sospensione del concorso: il Comune preferì attendere una pronuncia del Tribunale amministrativo regionale relativa ad un ricorso contro la mancata ammissione agli orali di un concorrente. Ovvero, Isidoro Fucci, al tempo ancora dirigente a tempo determinato dell'amministrazione Pepe, peraltro nello specifico settore dove si era infranto il suo desiderio di dare definitiva continuità ad una nomina che era anche ascrivibile ad aspetti politici (Fucci era stato consigliere comunale del centrosinistra nella legislazione precedente, poi non eletto, con Lealtà per Benevento, nel secondo quinquennio Pepe).

Parallelamente, il concorso per dirigente di area amministrativa andava a buon fine, con l'assegnazione del posto ad Angelo Mancini, ma questa è altra storia.

Intanto, il Tar si pronunciò. E siamo a settembre 2016. "No": nessuna riammissione di Fucci, candidato per il quale era stato espresso "un giudizio di non idoneità" ed a cui di conseguenza era stato "attribuito un voto insufficiente".

La macchina amministrativa si è rimessa in moto come un diesel e, dopo 'soli' due mesi e poco più, l'ente locale ha fissato la data della prova orale (21 dicembre 2016). Il corposo antefatto permette di raccogliere i frutti della valutazione finale della Commissione, resa nota rapidamente con la pubblicazione della graduatoria (le cifre che seguono il nome dei candidati si riferiscono a prima e seconda prova scritta, valutazione titoli, prova orale): il vincitore, come ricordato, è Maurizio Perlingieri (23+23+7,5+24=77,5); gli idonei sono Santina Napolitano (21+20+13,5+22=76,5) e Americo Picariello (20+22+13,5+20=75,5); non idonei Demetrio Beatino e Giovanni Napolitano.

Una curiosità che si può rilevare è che questi due concorsi banditi durante il governo Pepe per coprire in via definitiva il posto sia di dirigente di area amministrativa che tecnica, ai quali hanno preso parte come concorrenti i due dirigenti a tempo determinato di fiducia del sindaco di allora, cioè Mancini e Fucci, si siano conclusi, pur nella diversità della maturazione dell'esito, lasciando, fino ad ora, tali concorrenti a bocca asciutta.