La Giunta Comunale di Benevento rivendica il blitz dei Vigili Urbani alla scuola Sant'Angelo a Sasso, ma Altrabenevento rincara la denuncia

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
La Giunta Mastella
La Giunta Mastella

Il Coordinamento dell'associazione Altrabenevento, dopo la nota di denuncia, in materia di servizio di mensa scolastica, dell'altro ieri e relativo a un episodio accaduto in una scuola cittadina, cui hanno fatto seguito, ieri, tre prese di posizione di Giunta Comunale, Comitato di genitori e consiglieri comunali del M5S, torna oggi sull'accaduto e rincara la dose. Scrive infatti detto Coordinamento: Ieri l'altro alla scuola Sant'Angelo a Sasso tre Vigili Urbani, senza divisa, hanno effettuato un controllo che ha creato molte tensioni tra le insegnanti e i bambini, soprattutto quelli della scuola dell'infanzia che non hanno potuto consumare i pasti portati da casa o forniti da una ditta incaricata dai genitori. Il fatto è gravissimo al punto che molti non hanno creduto si potesse trattare di agenti della polizia municipale e invece, purtroppo, sono stati proprio loro.

Infatti la Giunta Comunale con un comunicato di ieri, rivendica il blitz inaudito. Si legge nel documento ufficiale di Palazzo Mosti che il controllo si è reso necessario perché solo la coop. Quadrelle 2001, "controllata quotidianamente" può fornire pasti ai bambini e non deve subire la concorrenza sleale di altre ditte incaricate dai genitori.

Con lo stesso comunicato la Giunta conferma, però, che i bambini hanno il diritto di consumare il pasto alternativo se non aderiscono al servizio di mensa organizzato al Comune. Ma questa non è una concessione di Mastella, è un diritto, riconosciuto da diverse sentenze di giudici piemontesi e lombardi che si applicano su tutto il territorio nazionale. Nessuno, però, può vietare ai genitori di fornire ai figli i panini, o i pasti preparati in casa, oppure quelli acquistati da qualunque fornitore! Non fa differenza se il contenitore con il cibo lo porta a scuola la mamma o il fornitore incaricato e ufficialmente delegato.

E' chiaro, inoltre, che non si tratta di "concorrenza sleale" perché i genitori non si sono fatti incantare da altre ditte, ma hanno scelto di prendersi il fastidio di cucinare al mattino presto o pagare per intero il pasto acquistato da un fornitore, avendo verificato l'operato della coop. Quadrelle 2001 contestata più volte.

Il comunicato del Comune di Benevento aggiunge che sarà inviata ai Dirigenti Scolastici una nuova circolare per vietare l'accesso di pasti non controllati nelle scuole.

Ma se il problema era solo quello di definire meglio le regole per i pasti alterativi alle vaschette della Quadrelle 2001, perché Mastella non ha organizzato una riunione? Era necessario il blitz che ha creato tensione anche ai bambini?

In realtà, durante la visita dei Vigili Urbani di martedì scorso, è stata messa in discussione l'attività delle insegnanti che aiutano i bambini ad aprire le vaschette senza essere dotate di adeguate certificazioni sanitarie. Quindi, il problema non è il pasto delle ditte "concorrenti" della Quadrelle 2001, perché con tale argomentazione si possono vietare tutti i pasti portati da casa in quanto i bambini hanno certamente bisogno di piccoli aiuti per aprire i thermos o qualunque altro contenitore del cibo.

Qualche settimana fa la cooperativa avellinese ordinò ai propri dipendenti di non fare stare nei refettori i bambini che non consumavano le vaschette fornite per incarico del Comune, ma le lavoratrici iscritte al sindacato CUB si rifiutarono. Le mamme protestarono e il sindaco fu costretto a censurare il comportamento della ditta Quadrelle 2001 annunciando, pomposamente, che avrebbe mandato nelle scuole i Vigili Urbani per tutelare il diritto al pasto anche dei bambini che non aderiscono al servizio di mensa. Adesso Mastella ha fatto esattamente il contrario!

Che cosa è cambiato?
Il sindaco Mastella, l'assessora Amina Ingaldi e la intera Giunta (Erminia Mazzoni, Oberdan Picucci, Antonio Reale, Mario Pasquariello, Luigi Ambrosone, Patrizia Maio, Maria Carmela Serluca e Vincenzo Russi) perché adesso difendono la coop. Quadrelle 2001 che, contrariamente a quanto affermato con il comunicato del Comune di ieri, non è affatto controllata quotidianamente?

Anzi, la Commissione Mensa non ha ancora potuto fare alcun controllo e la dietista consigliera comunale, Giuseppina Pedà, viene ancora puntualmente ignorata e scavalcata.