Quelli che avere un concittadino sottosegretario è una buona notizia "per tutti i 288mila sanniti che hanno avuto accreditati diecimila euro a testa dal governo Renzi", in visione..

- Opinioni IlVaglio.it

Posto in correlazione con un altro articolo dal taglio ideologico (si può dire?) ben preciso - "Mastella fa l'Uomo della Provvidenza" -, l'intervento che Sanniopage.com ha riservato, a firma di Teresa Ferragamo, alla conferma (Ministero Infrastrutture e Trasporti) di Del Basso De Caro anche nel Governo Gentiloni ("Perché un sottosegretario è una buona notizia per tutti", l'esplicativo e distaccato titolo), ha certo aperto gli occhi e la mente alla consapevolezza politica della comunità locale. Ha snocciolato le cifre a più zeri destinate al nostro territorio in reti stradali e ferroviarie allo stesso modo e con i medesimi concetti espressi, peraltro, dallo stesso Sottosegretario in una intervista però diretta concessa alla pagina locale del Mattino del 31 dicembre ("Il governo Renzi ha portato nel Sannio tre miliardi di euro").

Nella sua indipendenza diviene addirittura più approfondito, il conto del sito di informazione: "De Caro diventa sottosegretario nel febbraio del 2014... Nel 2014 arriva anche lo Sblocca Italia, che per le risorse destinate fu addirittura definito lo Sblocca Sannio. Da quel momento, in poco più di due anni, alla provincia di Benevento il Governo Renzi – attraverso il Ministero delle Infrastrutture – ha destinato complessivamente 3 miliardi di euro. E’ come se ad ognuno dei 288 mila sanniti fosse stata accreditata una somma di circa 10 mila euro a testa".

Sarà anche una cifra immateriale, "risorse che non incideranno sul corso della quotidianità" ma budget per un futuro più sostenibile in lande che appariranno modernamente infrastrutturate, però la crisi è qui ed ora. E non ha smesso di mordere.

E al suo fianco la crisi ritrova la statistica del "filosofo" Trilussa (in particolare la sua celebre poesia sulla statistica e sul pollo annuale a testa): il guadagno dell'inclusione prossima ventura, quella certezza espressa dalla giornalista "che il Sannio è dentro una visione" (visione, un sostantivo che per il Treccani significa anche "apparizione, immagine o scena del tutto straordinaria, che si vede, o si crede di aver visto, in stato di estasi o di allucinazione, o in situazioni e per cause miracolose e soprannaturali, oppure anche in sogno"), una visione, dunque, che non prelude però alla certezza di un accredito (pure politico) ugualmente paritario e quindi distribuito in modo uniforme per la pattuglia dei 288 mila sanniti.

Di fronte a tanto, vien da chiedere al cittadino se sia possibile inviare il proprio Iban al Sottosegretario, o in subordine informarsi presso Sanniopage.com, per partecipare all'uovo oggi in attesa delle infrastrutture di dopodomani...