Il centrodestra cresce nel Consiglio Provinciale di Benevento e pareggia i consiglieri del centrosinistra: 5 a 5. Flettono PD e Forza Italia, boom della lista di Mastella - I commenti al voto

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
Luigi De Nigris, neo consigliere provinciale di Benevento
Luigi De Nigris, neo consigliere provinciale di Benevento

Sono state scrutinate le 768 schede su 848 aventi diritto al voto (90,5%) per le elezione dei nuovi 10 componenti del Consiglio provinciale di Benevento. Il risultato inequivocabile sancisce un pareggio tra il centrodestra e il centrosinistra, uniche due coalizioni in lizza.

Il centrosinistra ha ottenuto 5 seggi con il 52% circa dei voti espressi, stesso numero di seggi per il centrodestra con la percentuale del 48%. Il Pd con le sue due liste ha raggiunto il 42%, l'altro 10% del centrosinistra è stato appannaggio dell'alleato NCD. Per il centrodestra 4 i seggi conquistati da Noi Sanniti per Mastella e un seggio all'alleata Forza Italia.

Due anni fa sei seggi andarono al centrosinistra (5 al Pd, 1 a SEL) quattro al centrodestra due a Ncd-Udc, due a Forza Italia (uno di derivazione dell'Udeur mastelliana). Nessun dubbio quindi sulla tendenza: flessione palese del Pd che perde un seggio e del centrosinistra che non tracima oltre i 5 seggi solo perché il Nuovo Centro Destra, stavolta, da avversario è diventato alleato.

Nel centrodestra, Forza Italia dimezza la sua rappresentanza da 2 seggi a 1, ma la coalizione compie un forte balzo in avanti passando da 4 a 5 seggi grazie all'effetto Mastella che passa da un solo seggio a 4.

Il centrosinistra comunque conserva una risicata maggioranza di sei consiglieri su undici perché il presidente del Consiglio, Claudio Ricci (PD), è rimasto in carica e lo sarà per i prossimi due anni, essendo tale carica di durata di quattro anni.

Ricordiamo che a votare per il Consiglio sono stati solo sindaci e consiglieri comunali e che ognuno di loro esprimeva un voto di peso diverso, a seconda del numero di elettori dei diversi 78 comuni sanniti.

Sono risultati eletti:

Giovanni Campobasso (consigliere comunale di Montesarchio, Pd), Renato Lombardi (consigliere comunale di Sant’Agata dei Goti, Pd), Giuseppe Ruggiero (consigliere comunale Foiano di Val Fortore, Riformisti per il Sannio-Pd), Giuseppe Di Cerbo (sindaco di Amorosi, Riformisti per il Sannio, Pd), Francesco Maria Rubano (presidente Consiglio Comunale di Puglianello, Benevento Popolare-Ncd).

Luigi De Nigris (consigliere comunale di Benevento, Noi Sanniti per Mastella); Claudio Cataudo (sindaco di Ceppaloni, Noi Sanniti per Mastella); Angela Papa (consigliere comunale di Montesarchio, Noi Sanniti per Mastella); Giuseppe Bozzuto (consigliere comunale di Castelpagano, Noi Sanniti per Mastella); Carmine Montella (sindaco di Paolisi, Forza Italia).

Di seguito i commenti dei partiti al voto che, puntualmente, recitano le solite versioni propagandistiche in base alle quali - al di là dei numeri sopra riportati - ognuno di loro ha vinto e a perdere sono stati solo gli altri...

Gian Vito Bello, coordinatore provinciale dell'NCD: "Sono molto soddisfatto del risultato elettorale e ringrazio gli amministratori candidati e tutti quelli che hanno reso possibile il raggiungimento del seggio in consiglio provinciale, a cominciare del gruppo dirigente di NCD ed alle componenti che hanno rafforzato la nostra lista. Tale risultato è la conferma, ancora una volta, della presenza di una rete di amministratori diffusi sul territorio, che si ritrova nella nostra area di un centro moderato e riformista. Ora è giunto il momento che il partito nazionale concretizzi il percorso che ci ha portato fin qui, attraverso la costituzione di un soggetto politico, insieme alle altre componenti centriste, che si riconoscono nel progetto politico di Alfano. A livello locale continueremo, come stiamo facendo nel consiglio comunale di Benevento ed in tutte le amministrazioni, anche alla Provincia di Benevento, a portare avanti azioni programmatiche specifiche, che ci vedono impegnati per il rilancio economico del Sannio, attraverso le tematiche dell’energia, dell’ambiente dell’internazionalizzazione delle imprese e dei sistemi locali territoriali; senza dimenticare i servizi sociali e le fasce più deboli, a cominciare dai giovani. Nei prossimi giorni avvieremo incontri sul territorio per organizzare iniziative tematiche, a cominciare dall’utilizzo dei fondi europei della nuova Agenda, che rappresentano sicuramente una opportunità per rilanciare il Sannio, se utilizzati con le giuste finalità".
***
Carmine Valentino, Segretario Provinciale del PD: “Il risultato per le elezioni del Consiglio provinciale è straordinariamente importante per il futuro del nostro Sannio. Ancora una volta, dopo la recente affermazione del Partito Democratico nelle elezioni per l'Ente idrico campano, i numeri parlano chiaro.
Il Pd conserverà la sua maggioranza alla Provincia di Benevento, in un contesto completamente mutato rispetto a due anni fa e senza avere i favori dei pronostici, con 5 Consiglieri eletti (2 con la lista Pd, 2 con la lista Riformisti per il Sannio e 1 con la lista Benevento Popolare) su 10 componenti dell'Assise.
Il Partito Democratico con il suo 42% (somma delle due liste in campo Pd e Riformisti per il Sannio) con il circa 10% della lista ‘Benevento Popolare’ ci consegna un dato inequivocabile: la maggioranza assoluta, pari al 52%, è il vero risultato conseguito tra non poche difficoltà ed ostacoli, tra defezioni, disimpegni e voltagabbana dell’ultima ora che certamente non hanno ragione politica d’essere! Non siamo per la caccia alle streghe ma per una lettura asettica di un dato non trascurabile che per quanto ci riguarda non è il punto di arrivo ma una ulteriore tappa in un percorso ambizioso e concretamente consolidato.
Agli eletti e al presidente Claudio Ricci va l'augurio personale, dell'intera segreteria provinciale Pd e di tutti i democratici e le democratiche sannite per un lavoro proficuo e determinante per la nostra terra.
La rilevante affluenza con 768 votanti su 848 aventi diritto è un dato non trascurabile anche alla luce delle criticità legate all'emergenza maltempo che ha colpito molti centri della provincia.
A quanti hanno preso parte a questa competizione va il ringraziamento per aver creduto ancora una volta in un progetto di governance pragmatica a guida Pd per un Ente che deve continuare a dare risposte in settori chiave come la viabilità, le infrastrutture, l'istruzione, la cultura e che veda protagoniste le Istituzioni e la politica dei territori.
Oggi scriviamo una bella pagina della nostra storia provinciale e il merito è di tanti, tantissimi amministratori che hanno fatto prevalere quel senso di responsabilità che in tempi difficili di mancanza di occupazione, di sfiducia nella politica e nelle Istituzioni deve prevalere.
Rispetto a chi, proclamava una presa d’assalto della Rocca, la risposta l’hanno dato i territori con i loro rappresentanti. Grazie a tutti perchè quel sole di speranza e di fiducia anche stamattina è sorto luminoso nel Sannio!”.
***
Clemente Mastella, sindaco di Benevento: “Ritengo straordinario il risultato ottenuto dalla lista Noi Sanniti alle elezioni provinciali e sono orgoglioso del fatto che siamo riusciti ad esprimere l’unica donna eletta nel nuovo Consiglio provinciale e l’unico rappresentante della città di Benevento. Voglio, poi, ringraziare tutti i grandi elettori che ci hanno votato, a partire da quelli dell’UDC che, non avendo una propria lista, ci hanno sostenuto e tutti i candidati che si sono impegnati strenuamente per consentire un ulteriore e straordinario passo in avanti nella marcia di avvicinamento alla conquista del potere provinciale.

Al PD, che con acrobazie pirotecniche, spettacolari e fantasmagoriche grida al successo, voglio ricordare che in precedenza aveva 6 consiglieri e ora solo 4, mentre noi ne avevamo 1 e ora siamo saliti a 4. Dati che consentono a chiunque di giudicare chi ha vinto e chi ha perso queste elezioni. A prescindere dagli argomenti pseudo linguistici di qualche tardo esponente della periferia della provincia di Benevento, la realtà dei fatti è questa.

Dopo aver ottenuto questo straordinario risultato, ora puntiamo a vincere a conquistare la Provincia. Quando saremo chiamati a votare il prossimo presidente, presenteremo un candidato alternativo a quello attuale, sempre che il PD voglia ricandidarlo, e siamo convinti che riusciremo a farlo eleggere. La marcia di avvicinamento di Mao alla conquista del potere provinciale è inarrestabile”.

***

Claudio Ricci (Pd), presidente della Provincia di Benevento: “Il voto del 10 gennaio per il rinnovo del Consiglio Provinciale, con l’elevatissima affluenza di votanti, costituisce una pagina di alto profilo democratico ed istituzionale che va ad onore degli Amministratori locali del Sannio. Essi sono venuti alla Rocca ad esprimere il proprio voto nonostante le difficoltà legate alle eccezionali nevicate dei giorni scorsi. Tutto il procedimento elettorale e lo stesso voto si sono svolti nella massima trasparenza, correttezza ed ordine grazie al lavoro profuso dagli Uffici e dai dipendenti della Provincia e dalla collaborazione delle Forze dell'Ordine e della Polizia Provinciale.Un grazie di cuore a tutti. Per quanto riguarda la lettura politica del risultato, il centro sinistra si conferma forza maggioritaria nel Sannio avendo conseguito il 53% dei consensi. Il dato forte che ne deriva è il seguente: il sottoscritto aveva già prima del voto piena legittimazione giuridica a presiedere l'Ente Provincia; oggi, dopo il voto, ha anche una legittimazione di natura squisitamente politica. I Sindaci e gli Amministratori hanno votato e chiaramente confermato e rafforzato la coalizione di centro sinistra alla Rocca. Essi dunque hanno espresso anche un giudizio positivo sul mio operato in questi anni e io di tanto li ringrazio. Del resto il mio Partito, il Partito Democratico, aveva lavorato bene sul territorio. Sono grato al Pd, a tutta la sua classe dirigente, ai suoi dirigenti e ai suoi vertici e a tutti i simpatizzanti per aver colto questo grande risultato. Un grazie va anche ai nostri alleati dell'NCD che molto si sono spesi per tale successo. Qualcuno aveva visto nel 10 gennaio l'occasione per stravolgere la vita politica ed istituzionale della Rocca dei Rettori. Questo qualcuno aveva dato al voto una forte caratterizzazione politica e prefigurato per l'intero territorio percorsi politici alternativi al PD e al centrosinistra. Ebbene questo qualcuno, oggi, dopo lo spoglio, è rimasto fortemente deluso. In parole povere: Mastella con il suo disegno alternativo al Pd è stato sconfitto. Il PD, con la sua classe dirigente fatta di Amministratori eccezionali, ha dimostrato in maniera incontrovertibile di essere il punto di riferimento insostituibile del Sannio. Le forze raccogliticce, personalistiche o familistiche hanno dimostrato il loro corto respiro e la loro sostanziale inadeguatezza. Ci aspettano ora due anni difficili, quanto lo sono stati i precedenti. Il nostro lavoro ed il nostro obiettivo per l'immediato sono infatti cambiati rispetto al recente passato. Dobbiamo ora garantire le condizioni per rilanciare ruolo e funzione della Provincia dal punto di vista istituzionale e dobbiamo fare in modo che la Provincia torni a guidare la lotta del Sannio nella competizione fra i territori. Affrontiamo questo impegno con un nuovo Consiglio Provinciale: nel mentre saluto con affetto e stima quanti hanno lasciato la Rocca, auguro agli eletti di esprimere al meglio la loro passione civile per il nostro territorio”.

***

Assunta Tartaglione, segretaria regionale del Pd: "“Dopo Avellino, Napoli e Salerno, le elezioni per il Consiglio provinciale di Benevento fanno segnare un ulteriore buon risultato del Partito democratico, che acquista ancora più valore tenendo conto delle difficoltà presenti sul territorio e del fatto che il Pd in questo momento non amministri la città capoluogo. L'esito delle urne premia quindi l'efficace lavoro svolto dal partito e dai suoi dirigenti nell'area del Sannio – aggiunge Tartaglione – e deve rappresentare per tutti noi il punto di partenza per il rilancio dell'attività politica, in particolare in settori chiave come le infrastrutture, l'istruzione e la cultura, che richiedono grande impegno e senso di responsabilità. L'ottimo dato dell'affluenza nonostante le impervie condizioni meteo, dimostra la voglia di partecipare e di credere nell'ambizioso progetto portato avanti da Pd, Riformisti per il Sannio e Benevento Popolare. Ringrazio dunque tutti gli amministratori che, recandosi alle urne, hanno reso possibile questo risultato e auguro buon lavoro al presidente e ai consiglieri eletti. Come per le altre province – conclude Tartaglione – a Benevento il Partito democratico dimostra di essere una forza radicata sul territorio, anche grazie al prezioso lavoro svolto quotidianamente dai sindaci e dagli amministratori".
***
Nicoletta Vene, Presidente del Consiglio Comunale di S. Agata dei Goti: "Ampia e totale è stata la partecipazione al voto dei diciassette consiglieri comunali di S. Agata, senza alcuna defezione. Un atto che testimonia la grande attenzione e la altrettanto grande importanza prestata al momento elettorale provinciale da parte dell’intera assise cittadina. Un riconoscimento per l’operato del già consigliere provinciale, nonché consigliere comunale, Renato Lombardi, da parte dei rappresentanti della comunità santagatese. Auguro al neo eletto Consiglio Provinciale di Benevento buon lavoro auspicando che la Provincia possa, al più presto, tornare a svolgere, con nuovi riferimenti normativi, funzioni chiare e necessari strumenti finanziari il ruolo che le compete, come imprescindibile soggetto intermedio tra Stato centrale, regione e comuni e che venga ridefinito il profilo funzionale dell’Ente, con assegnazione allo stesso di nuove competenze, essenziali per il governo del territorio. La nostra città si compiace per aver, ancora una volta, espresso una rappresentanza territoriale all’interno dell’ importante istituzione provinciale”.
***
Luigi Barone e Gennaro Santamaria, lista Benevento Popolare:Il risultato della lista Benevento Popolare alle elezioni provinciali di Benevento rappresenta la testimonianza concreta che questa nostra area mantiene un forte radicamento su tutto il territorio sannita. Aver ottenuto il voto da circa cento amministratori della provincia di Benevento conferma la nostra presenza sull'intero territorio. Non sfugge a nessuno l’importanza del nostro risultato sul dato politico complessivo. Infatti, se Ricci continuerà ad avere una maggioranza solida a sua disposizione è grazie al nostro significativo apporto. Ci auguriamo che tutto questo sia preso in seria considerazione dai nostri alleati del PD e che si rafforzi, anche in termini di riconoscimenti e visibilità, il nostro proficuo rapporto di collaborazione su tutto il territorio provinciale.
Vogliamo inoltre evidenziare che la coalizione a cui partecipiamo ha raggiunto la maggioranza assoluta raggiungendo il 52% dei voti espressi grazie al significativo contributo del 10% dato dalla nostra lista. Va inoltre evidenziato che su una platea di 768 amministratori che hanno partecipato al voto 412 (quindi ben oltre il 50% dei partecipanti al voto pari a 384 amministratori) hanno votato per la nostra coalizione. Ringraziamo quindi tutti i nostri candidati, gli amministratori e i dirigenti politici della nostra area che hanno permesso questo splendido risultato. Formuliamo nel contempo il nostro augurio di buon lavoro al nostro consigliere provinciale eletto, Francesco Rubano, un giovane amministratore e dirigente politico che sicuramente saprà ben rappresentare in seno all’assise provinciale la nostra cultura politica. Infine, questo risultato ci impegna a far nascere anche sul nostro territorio in tempi brevi un unico soggetto politico che dovrà rappresentare la nostra area".

***
Francesco Maria Rubano, lista Benevento Popolare: "Grazie, grazie, grazie a quanti hanno creduto nella mia persona e nella lista Benevento Popolare. Da oggi lavoreremo per costruire dalle fondamenta di Ncd il partito popolare in provincia di Benevento. Ottenere con la lista il consenso di 100 amministratori comunali evidenzia un forte radicamento territoriale che ora dovrà tradursi in organizzazione di partito e contenuti programmatici. La nostra presenza alla Rocca dei Rettori non sarà certo una comparsa ma lavoreremo da domani per dare risposte ai territori sanniti". A seguire il presidente del Consiglio Comunale di Puglianello ringrazia "i vertici regionali del partito ed in particolare il dirigente nazionale Luigi Barone per aver fortemente voluto la mia candidatura. La mia vittoria è la vittoria di Luigi Barone; lo ringrazio per avermi candidato, per avermi sopportato, per avermi sostenuto. Non era facile scegliere il più giovane, non era certo semplice individuare il consigliere di un piccolo comune. Con Luigi, con Domenico Parisi e con tanti altri amici sindaci e amministratori, candidati e non, rafforzeremo la rete territoriale che con queste elezioni provinciali è già stata creata", aggiunge Rubano, per il quale "in ogni caso, è' stata una elezione difficilissima, maturata in un contesto dove si sono confrontati esponenti politici di ventennale esperienza, per cui la elezione di un giovane come me assume un valore ed un significato ancora più importante, addirittura superiore a quello della rappresentanza territoriale del mio territorio di appartenenza, la valle Telesina. L'alleanza cattolico-democratica e laico-riformista sancita con il Partito Democratico, per quanto mi riguarda, ha funzionato per rafforzare l'immagine di un partito, l'Ncd, con un marcato profilo governativo rivolto all'ascolto e alla attenzione dei problemi dei territori e degli amministratori locali". Per Rubano, infine, "da oggi con il presidente Ricci e con i colleghi del Pd lavoreremo ad una campagna di ascolto delle istanze dei territori per definire un nuovo e migliore assetto delle competenze della provincia di Benevento. Assieme, nella condivisione degli assetti e dei programmi, sono convinto otterremo ulteriori positivi risultati politici e per la collettività".

***

Evangelista Campagnuolo, Forza Italia: "Appresi i risultati dello scrutinio per le elezioni provinciali di Benevento, non possiamo non ringraziare tutti i candidati della lista Forza Italia per essersi messi a disposizione del territorio,aver rappresentato un'alternativa al Pd e che si sono impegnati per raggiunger il traguardo dell’elezione del nostro consigliere provinciale, il Sindaco di Paolisi Carmine Montella. Un grazie va a loro e ai tanti amministratori che ci hanno scelto con libertà,con passione, con responsabilità e con senso di appartenenza al territorio.Questi punti fondamentali in una democrazia. Ci corre l'obbligo, altresì, di complimentarci con Carmine Montella per la vittoria, augurandogli buon lavoro nella speranza che la nostra Provincia possa essere sempre più un punto di riferimento soprattutto per le comunità più piccole e al contempo un soggetto in grado di tutelare e garantire i diritti di un territorio che ha sempre più bisogno di considerazione e attenzione. Quello della lista di Forza Italia è comunque un ottimo risultato, riuscendo ad ottenere circa 12mila voti ponderati e un consigliere in seno alla Rocca. Ma oggi, sulla scia degli ottimi risultati raggiunti, guardiamo avanti lavorando con ancor più dedizione per il bene del nostro territorio".
***
Veronica Rotunno, vicepresidente dell'associazione 'La Tua Benevento':Nella giornata di ieri su tutti i quotidiani online impazzavano le dichiarazioni di esponenti politici degli schieramenti che si sono fronteggiati alle elezioni provinciali, tutti rivendicavano di aver vinto, di aver avuto risultati straordinari; a mio modesto parere di vincitori non ne vedo, ma vedo tanti sconfitti i cittadini, i quali a causa di questa assurda normativa hanno perso anche il diritto di esercitare il proprio voto, fossi negli schieramenti non gioirei troppo gli eletti chiamati al voto provinciale, sono rappresentativi fino ad un certo punto poiché il consenso ricevuto quando sono stati eletti nei rispettivi consensi civici è mutevole e, dopo un pò, potrebbe non più esserci in base al loro modo di amministrare, quindi secondo me gli esponenti politici (tutti) farebbero bene a usare tono trionfalistici quando riusciranno, impegnandosi, a cancellare questa assurda legge e a far tornare la parola al cittadino, perché per me solo quando votano i cittadini ci sono elezioni vere e si può parlare di vittoria o di sconfitta.

***

Carmine Passante, Sannio Popolare - “Il risultato elettorale di ieri per il rinnovo del consiglio provinciale conferma in modo inesorabile la nullità e l’inconsistenza del gruppo dirigente dell’UDC del Sannio. Infatti, dopo la figuraccia di non riuscire a presentare nemmeno una lista, hanno collezionata un’altra grande figura scegliendo all’ultimo minuto utile di appoggiare la lista di Mastella e di far confluire le proprie preferenze sul capolista Mario Pepe. Il risultato di Pepe certifica con eloquenza unica la totale inconsistenza di questa rappresentanza politica!”. Questo il commento al risultato elettorale di ieri da parte di Carmine Passante, coordinatore provinciale dei giovani di Sannio Popolare – Centristi per l’Italia che così prosegue. Ovviamente, mi sento di esprimere solidarietà all’on. Mario Pepe, sindaco di San Giorgio del Sannio, che per il suo curriculum politico – istituzionale non meritava di collezionare una brutta figura come quella di non essere eletto in consiglio provinciale. Per quanto ci riguarda mentre siamo totalmente soddisfatti del risultato politico ottenuto dalla nostra lista Benevento Popolare che con gli oltre novemila voti ponderati ottenuti, pari a circa il 10 % del consenso complessivo, ha dimostrato di essere una realtà politica forte e rappresentativa. Come si vede lla fine la storia, forse in questo caso sarebbe meglio parlare di cronaca, si fa carico di certificare il valore di storie umane e politiche”.

***

Ancora Carmine Valentino, segretario provinciale del Pd, in replica a Clemente Mastella: "È non senza imbarazzo che commento le dichiarazioni del Sindaco di Benevento sui risultati delle elezioni provinciali che si sono tenute lo scorso 10 gennaio. Imbarazzo per lui, s'intende. Mi chiedo come possa un politico, oggi primo cittadino della città capoluogo, già ministro, parlamentare, senatore della Repubblica, eletto grazie al voto di tanti cittadini del Sannio, di quella periferia della provincia di Benevento che ha contribuito decisamente a creare la sua storia politica, riferirsi in modo sprezzante alle comunità che compongono la provincia in questo modo poco elegante. Comunità ricche di storia, rinomate per la loro bellezza, cultura, che hanno espresso negli anni personalità politiche di valore e che gli hanno conferito l’onore e l’onere di rivestire incarichi a livello nazionale come deputato prima e senatore poi. Devo dedurre però che oggi, quelle periferie della provincia di Benevento, da cui pur proviene, sono estranee al suo programma politico, volto solo alla conquista della città capoluogo, impegnato com'è a ritagliarsi uno spazio personale, dopo l’esilio all'ombra del castello di Ceppaloni. Qualche “tardo esponente” della periferia della provincia di Benevento, insieme a tanti altri “provinciali politici” ha dimostrato che una maggioranza degna, qualificata e riconosciuta è rimasta alla Rocca dei Rettori ad amministrare un organismo politico che più che essere assaltato e conquistato ha bisogno di essere governato. E questa maggioranza, pur nelle difficoltà che si presenteranno, lo farà, con capacità e determinazione. Nessuna conquista; non siamo predoni ma uomini delle Istituzioni che vincono, qualche volta, con le periferie della provincia di Benevento, a cui rivendico personalmente di appartenere con grande orgoglio .Da Segretario provinciale del PD e, probabilmente, da “tardo esponente della periferia della provincia di Benevento” sono compiaciuto di aver contribuito al buon esito delle recenti competizioni elettorali chiamando, senza atteggiamenti da voltagabbana, tutte le forze amministrative della provincia, periferie e centro, ad animare un progetto di prospettiva che ha convinto i tanti amministratori che lo hanno condiviso. La verità, che volutamente si tenta di oscurare, è che questo è un momento in cui la vera politica non può rimanere arroccata e chiusa nella propria corte di potere, ma ha bisogno di una più vasta condivisione, esaltando e valorizzando tutte le risorse della nostra terra. I risultati delle elezioni provinciali esprimono con chiarezza un dato importantissimo: in un momento complesso per il Partito Democratico, anche a livello nazionale, le liste in campo del Pd che hanno fatto squadra con la compagine “Benevento Popolare” hanno riconfermato numericamente, e lo sottolineo con determinazione, la leadership della provincia di Benevento. Questo risultato, lo ribadisco ancora una volta, è merito di tutti quelli che hanno creduto nel progetto e hanno sposato la linea sostenuta dalla mia segreteria, nelle scorse settimane. Con passione e in piena consapevolezza ho voluto che tutte le aree della provincia di Benevento fossero rappresentate nelle compagini in corsa. Gli assoli non caratterizzano l'azione del Partito Democratico e non fanno parte della cultura della nostra terra, ancora di meno della “periferia”. Da segretario provinciale del PD ho cercato di dare un'impronta in questa direzione sin dall'inizio del mio percorso nella Federazione. È antistorico ed offensivo, in una realtà che guarda all’ Europa, per tutta la comunità provinciale ritenere “periferie” le varie realtà comunali di cui la provincia è composta. Se sono state acrobazie le mie non le rinnego. Gli acrobati osano ed arrivano dove altri non guardano neanche. E solo così si costruisce il futuro. Le altre eleganti considerazioni, che non toccano la forza e l’importanza di questa vittoria elettorale le lasciamo alla cronaca".

***

Grazia Nacar, coordinatrice provinciale dei giovani Ncd: “Rivolgo le congratulazioni per l'elezione e gli auguri di buon lavoro al consigliere provinciale di Benevento Popolare Francesco Maria Rubano. Il risultato raggiunto dalla lista Benevento Popolare (composta da Ncd e dal movimento Centristi per l'Italia) con il sostegno di circa 100 amministratori del Sannio dimostra la presenza, il radicamento e l'attività politica condotta dal partito sul territorio. Il contributo di tutti, innanzitutto dei dieci candidati, degli amministratori che hanno sostenuto la lista e dei dirigenti che hanno lavorato per la sua composizione e per la campagna elettorale, è stato decisivo per raggiungere l'importante risultato del 10% dei consensi. Da questo significativo patrimonio politico registrato nell'intero Sannio bisognerà ripartire per rilanciare l'organizzazione e l'attività politica del partito sul territorio”. La coordinatrice provinciale dei giovani Ncd poi sul neo consigliere che rappresenterà la compagine alla Provincia commenta: “L'elezione di un giovane amministratore non può che essere una notizia positiva e testimonia il rinnovamento che il partito sta mettendo in atto con una nuova classe dirigente che si presenta pronta sullo scenario politico. Francesco Rubano ha dimostrato sul campo, nella sua esperienza di amministratore a Puglianello e nel suo percorso, di poter apportare un significativo contributo politico e amministrativo. Sicuramente saprà quindi gestire le materie di competenza della Provincia e con lui collaboreremo per dare voce e risposte alle istanze e alle problematiche vissute da tutti i territori. Ulteriore elemento di soddisfazione è poi l'elezione in seno al consiglio provinciale di un nostro rappresentante proveniente dalla Valle Telesina, realtà di cui conosce problematiche, necessità, potenzialità e aspirazioni. Siamo sicuri che insieme a Francesco Rubano potremo lavorare bene, sia sotto il profilo istituzionale, per lo sviluppo di questa area, sia sotto il profilo politico, per continuare in questo percorso di rinnovamento e soprattutto di crescita della nostra area popolare”.