Elezioni per l'ATO per i rifiuti - Sempre più da record i cambi di casacca politica in provincia di Benevento

- Opinioni IlVaglio.it

La scelta dei 12 componenti del Consiglio d’ambito dell’ATO per i rifiuti è stata, in meno di un mese, la seconda elezione di secondo livello, cioè, riservata solo agli eletti che continuano a eleggersi fra loro. Ed è sembrata una cartina al tornasole per verificare il grado di tenuta dei malumori legati alla prima scelta, quella per il Consiglio Provinciale del 10 gennaio scorso.

L'elezione del Consiglio d’ambito dell’ATO (che gestisce il ciclo dei rifiuti sul territorio) è stata celebrata il 6 febbraio non senza polemiche sul risultato finale e si è conclusa ancora con un pareggio fra gli schieramenti contrapposti e conseguenti minacce di ricorsi. Ebbene questo voto contempla la trama di almeno un paio di storie meritevoli di segnalazione.

Una ha come protagonista la vicesindaca di San Leucio del Sannio, la più giovane fra gli eletti e in virtù di tale dato arruolabile alla presidenza dell’ente appena assemblato. Giovanna Tozzi, questo il suo nome, è la numero due appunto al Comune sanleuciano retto da Nascenzio Iannace, di chiara matrice forzitaliota seppure critica. Si ricordano, infatti, parole fortemente critiche dello stesso Iannace e dell’assessore beneventano Antonio Reale all’indomani delle elezioni provinciali con bersaglio il coordinatore provinciale degli ‘azzurri’, Fernando Errico: “La conduzione politica di Forza Italia in provincia di Benevento, nella persona del suo segretario provinciale, , ha dimostrato lacune e parzialità incredibili… Questo modo di procedere è francamente inaccettabile”. La Tozzi, nonostante ciò, in questa sua avventura non ha avuto il sostegno del proprio sindaco : “Prendo atto – ha avuto a dichiarare Iannace alla vigilia del voto sull’ATO - che la candidatura del vice sindaco è frutto della richiesta di una parte dei Consiglieri della maggioranza e che per il bene della Comunità ho di buon grado accettato. Voglio precisare che alle prossime elezioni dell’Ato rifiuti, accorderò la mia preferenza alla Lista Noi Sanniti-Forza Italia-Udc”. Misteri della fedeltà politica.

Ma la storia della Tozzi merita un primo piano soprattutto perché è rappresentativa della politica del 'media' evo, quella 0.0, e perché la vicesindaco 'recordwoman', oltre a essere la più giovane, deve essere stata certo tra le più veloci nel cambiare cavallo tra una elezione e l’altra. Candidata infatti con la lista ufficiale di Forza Italia in sede di rinnovo del Consiglio provinciale appunto il 10 gennaio (e non eletta), appena il 7 febbraio ha incassato i complimenti di Gianvito Bello, Luigi Barone e Francesco Farese, triade di comando sannita di Ncd. I tre, nel commentare il risultato raggiunto dalla “coalizione insieme al Partito Democratico”, hanno rivolto gli “auguri di buon lavoro al nostro candidato eletto, il vicesindaco di San Leucio del Sannio Giovanna Tozzi, amministratore che ha dimostrato sul campo le proprie capacità in questi anni”. Ma soprattutto negli ultimi giorni.