Serie B, il bilancio del quinto turno di ritorno: salgono Bari e Carpi

- Sport IlVaglio.it

Dunque il Benevento, anche se in attesa dei posticipi (Pisa-Frosinone di domenica 19 e Hellas Verona-Spal nel monday night del 20 febbraio, respira aria di A. Grazie alla vittoria per 1 a 0 a Vercelli, infatti, i sanniti si piazzano al secondo posto. Stop invece al Cittadella battuto al Tombolato 3 a 1 dall'Avellino, salgono invece in classifica il Bari, 3 a 1 alla Ternana, e il Carpi, 2 a 1 con il Brescia. Gli altri sono pareggi: 0 a 0 fra Perugia e Virtus Entella, 1 a 1 fra Salernitana e Cesena, 2 a 2 fra Spezia e Trapani, infine 1 a 1 tra Vicenza e Ascoli. Totale 21 gol, compreso quello segnato da Galabinov a Latina nell'anticipo, e due vittorie esterne. Queste le note di sintesi pubblicate sul sito ufficiale della Lega di serie B (www.legab.it).

***

PERUGIA-VIRTUS ENTELLA 0-0

Zero reti, un punto a testa e poche emozioni al 'Curi'. Perugia e Virtus Entella hanno chiuso sullo 0-0 la sfida valida per la 26/a giornata della Serie B ConTe.it. Dopo un primo tempo senza squilli, ad eccezione di un tentativo di Palermo neutralizzato dal portiere di casa Brignoli, e giocato a ritmi non entusiasmanti nella ripresa si fanno pericolosi gli umbri con un colpo di testa di Nicastro: Iacobucci salva i liguri. Il portiere è poi attento sull'incornata di Volta. La squadra di Breda chiude in dieci uomini per l'espulsione nel finale del neo entrato Ammari. Il Perugia allunga la striscia positiva e sale a 39 punti, agganciando il Cittadella, l'Entella raggiunge quota 35.

BARI-TERNANA 3-1

Il Bari cala il tris alla Ternana e prosegue la corsa playoff. I pugliesi di Colantuono si impongono 3-1 sugli umbri nella sfida del 'San Nicola'. La gara si mette subito in discesa per i padroni di casa: al 6' Brienza entra in area, si libera di due difensori e firma il vantaggio battendo con un tocco sotto Aresti. Poi al 25' gli ospiti restano in dieci per la seconda ammonizione rimediata da Coppola. Nonostante l'inferiorità numerica però la Ternana prima dell'intervallo raggiunge il pareggio con il sinistro al volo vincente in mischia di Di Noia. La ripresa si apre con il nuovo vantaggio dei pugliesi, siglato da Galano che insacca in mezza rovesciata sul traversone di Brienza (48'). Poi è Floro Flores con un preciso diagonale a fissare il risultato sul definitivo 3-1. Il Bari sale a 37 punti e conferma l'ottavo posto, terza sconfitta consecutiva per gli umbri di Gautieri fermi al penultimo posto a quota 22.

VICENZA-ASCOLI 1-1 Vicenza e Ascoli si spartiscono pareggiano 1 a 1: prosegue così la striscia positiva dei marchigiani, che non perdono dal 26 novembre scorso. I biancorossi invece tornano a muovere la classifica dopo due sconfitte consecutive uscendo momentaneamente dalla zona playout. Pronti-via e Augustyn sfiora subito il vantaggio per gli ospiti con un colpo di testa non di molto sopra la traversa. L'undici di Aglietti si conferma più pimpante in avvio e al 14' Bentivegna sfiora il bersaglio con una conclusione di prima su sponda aerea di Orsolini. Il Vicenza prova a scuotersi con un paio di iniziative di De Luca ma l'Ascoli continua e premere e al 36' sblocca passa in vantaggio con un pregevole pallonetto di Mignanelli. Il Vicenza non si scompone e in chiusura di frazione sfiora l'1-1 con una conclusione in mischia di Signori a lato. Nella ripresa l'Ascoli nuovamente pericoloso con Favilli, ma Benussi salva i suoi. Dalla parte opposta segnali di risveglio per i padroni di casa: Lanni compie il suo primo intervento al 10' su Rizzo e al 16' su Orlando. Al 24' gli sforzi del Vicenza vengono premiati con l'inserimento vincente di De Luca che trova l'1-1. Due minuti dopo i veneti restano in dieci per l'espulsione di Signori per un fallo su Orsolini, ma l'Ascoli non ne approfitta e la gara si chiude così in parità.

CARPI-BRESCIA 2-1

Il Carpi rialza la testa e ritrova la vittoria a spese del Brescia. Dopo tre sconfitte consecutive, gli emiliani di Castori riprendono la marcia playoff superando le Rondinelle 2-1 al 'Cabassi'. Con un fulmineo uno due i padroni di casa passano in vantaggio sul finire del primo tempo: Lasagna sigla il vantaggio sfruttando sottomisura il pasticcio Calabresi-Arcari sul tiro-cross di Beretta (38'), raddoppia lo stesso numero 9 con un meraviglioso gran destro a giro che infila la palla nell'angolino (42'). Ad inizio ripresa capitan Caracciolo dimezza le distanze su punizione complice l'indecisione di Belec (47'). La rimonta dei lombardi non si concretizza, i biancorossi creano diverse chance senza però sfruttarle. Il Carpi sale a 36 punti portandosi a -1 dall'ottavo posto, per il Brescia è crisi: la formazione di Brocchi incassa il terzo ko esterno consecutivo e resta ferma a quota 28.

SPEZIA-TRAPANI 2-2

Pareggio prezioso per il Trapani che nonostante l'ultimo posto in classifica resta in corsa per la salvezza rimontando da 2-0 a 2-2 in casa dello Spezia e confermando così i progressi delle ultime settimane. Sensazioni opposte invece in casa dei liguri, che buttano via due punti in una partita che sembrava fortemente indirizzata dopo la doppietta nei primi dieci minuti di gioco di Granoche. La squadra di Di Carlo sale così a 38 punti, sempre in zona playoff, mentre i siciliani salgono a 22: la zona playout è lontana appena 4 punti. Al 1' i padroni di casa sono già avanti: Kresic scivola in area, Granoche ne approfitta e con un pallonetto beffa Pigliacelli. Il 'Diablo' non è sazio e al 10' firma il raddoppio con una conclusione imprendibile sotto la traversa. Il Trapani accusa il colpo e non riesce a reagire: al 21' di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo Valentini va vicino al 3-0. Al 35', alla prima occasione, gli ospiti tornano in partita accorciando le distanze con un tiro di Casasola sul cross dal lato opposto di Barillà. Nel finale entrambe le squadre restano in dieci per l'espulsione per reciproche scorrettezze di Fabbrini e Casasola. Al 45' gli ospiti trovano il 2-2 definitivo con un tocco di Pagliarulo sul cross dalla destra di Colombatto.

CITTADELLA-AVELLINO 1-3

Colpo dell'Avellino a Cittadella e i veneti di Venturato rallentano la corsa playoff. Gli irpini proseguono la striscia positiva espugnando in extremis il 'Tombolato' 3-1. Successo in rimonta per gli ospiti, ma tanti rimpianti per i padroni di casa, che passano in vantaggio al 12' con Strizzolo, abile a sfruttare il cross filtrante di Benedetti, e poi sfiorano in più di un'occasione il raddoppio. Nella ripresa l'Avellino trova il pareggio con Ardemagni che devia il tentativo di Verde (53'). Il Cittadella spreca altre preziose chance, per la maggior parte sventate da Radunovic, prima del finale di marca irpina: ancora Ardemagni, di testa sul cross di Laverone, firma il sorpasso (86'), poi in pieno recupero Eusepi fissa il risultato sul definitivo 1-3. La vittoria spinge la squadra di Novellino a 32 punti, il Cittadella resta a quota 39 e viene agganciato dal Perugia.

SALERNITANA-CESENA 1-1

Salernitana e Cesena compiono un ulteriore passo verso la salvezza pareggiando 1-1 all'Arechi. I campani avanzano così a 32 centrando il terzo risultato utile consecutivo, mentre i romagnoli, al quarto pareggio nelle ultime cinque uscite, avanzano a 29. Dopo un tentativo di testa al 12' di Garritano su cui è attento Gomis botta e risposta tra le due squadre nel giro di cinque minuti. Al 22' infatti Minala sblocca il risultato con un tocco facile facile sul tiro di Coda diventato un assist per l'ex attaccante della Lazio; al 27' però il Cesena pareggia i conti con l'inzuccata di Cocco sul cross dalla destra di Balzano. Entrambe le squadre si affrontano a viso aperto e senza timori reverenziali. Gomis salva la Salernitana sul tiro di Cocco, su corner successivo la traversa nega sempre all'attaccante del Cesena la gioia per la doppietta. In chiusura di frazione la Salernitana pareggia il conto dei legni con il palo colpito di testa da Minala. A metà ripresa una parata per parte: Gomis salva sul solito Cocco, Agliardi respinge il tiro di Coda. Il portiere del Cesena decisivo qualche minuto dopo sulla sassata di Ronaldo, ultima emozione di un match gradevole e combattuto.

LATINA-NOVARA 0-1

Il Novara si impone per 1-0 in casa del Latina nell'anticipo della 26/a giornata della Serie B ConTe.it. Il gol decisivo dei piemontesi di Galabinov all'87'. Padroni di casa in dieci per l'espulsione nel finale di Roberto Insigne, fratello di Lorenzo che gioca nel Napoli. Dopo un primo tempo senza grosse emozioni, nella ripresa le due squadre provano con maggior determinazione a cercare il gol. A sbloccare il risultato ci riesce il Novara all'87' con un destro vincente dell'attaccante Galabinov su assist di Dickmann. Nel finale espulso Insigne per qualche parola di troppo rivolta all'arbitro. Tre punti importanti in chiave playoff per il Novara, che aggancia Entella e Bari a quota 34 punti. Il Latina sprofonda invece sempre di più in zona retrocessione con la quarta sconfitta di fila.

***

LA CLASSIFICA:

47 Frosinone**, 46 Benevento*, 45 Verona**, 44 Spal**, 39 Cittadella e Perugia, 38 Spezia, 37 Bari, 36 Carpi, 35 Entella, 34 Ascoli e Novara, 32 Salernitana e Avellino, 29 Cesena, 28 Brescia e Vicenza, 27 Pisa (**), 26 Latina, 25 Pro Vercelli, 23 Ternana, 22 Trapani

(* un punto di penalizzazione; ** una gara in meno)