Le associazioni ambientaliste: per ora c'è solo un atto di indirizzo sul depuratore

- Opinioni IlVaglio.it

Si torna nuovamente a parlare della questione del depuratore a Benevento, il cui sito è stato di recente individuato dal Comune e la cui individuazione è stata ricostruita in atti attraverso la delibera di Giunta n. 54 del 2017. Un testo, quest'ultimo, oggetto di una articolata disamina delle associazioni ambientaliste ANTA, LIPU, WWF, FAI, FIAB, Forum Salviamo il Paesaggio, La Cinta, Lerka Minerka, affidata ad una nota diffusa alla stampa.

Nella quale, "ritenuto che per una questione di civiltà è improcrastinabile dotare la Città di Benevento al più presto di un 'sistema di depurazione delle acque reflue'", si legge che la citata delibera di Giunta, è stata "presentata alla cittadinanza come atto di incontrovertibile individuazione del sito su cui realizzare il depuratore. Nulla di più sbagliato.

In realtà emerge dalla lettura del testo che attualmente non esiste nulla di concreto, ma solo atto di indirizzo. La delibera, infatti, altro non è che un atto preparatorio allo 'studio di prefattibilità tecnico economica' che, se riferito alla zona individuata e voluta solo dall’Amministrazione Comunale e mai condivisa dalle Associazioni, è destinato inevitabilmente a fallire con ulteriore perdita di tempo per la Città e dai pesanti risvolti economici della mancata realizzazione del depuratore. Probabilmente la delibera è stata motivata dalla fretta di sottrarsi alla 'procedura di infrazione europea comunicata al Comune di Benevento dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare con nota prot. 22418 del 24/11/2016'.

Le Associazioni, pertanto, pur nella evidenza della assoluta mancanza di incisività reale della delibera intendono in ogni caso cogliere l'occasione per dare il proprio supporto tecnico/conoscitivo mettendo a disposizione della Città anche il loro staff nazionale di tecnici competenti in materia e parallelamente avviare un'opera di formazione/informazione degli amministratori comunali e dei cittadini che consenta una scelta consapevole".