Il derby contro l' Avellino alle 12.30 e la quasi contemporanea corsa 'Strabenevento': per il 1° maggio si annunciano nubi minacciose per traffico e viabilità in città

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Quando il 21 aprile sarà presentata, a palazzo Mosti, la ventiseiesima edizione della "Strabenevento", ormai una classica del podismo non solo cittadino, non si potrà fare a meno di pensare a una circostanza certo non prevista (per uno scarto di poche ore) quando gli inviti alla stampa sono stati diramati: la sostanziale coabitazione fra la gara dei runners e quella del campionato cadetto di calcio che metterà di fronte, in contrada Santa Colomba, il Benevento e l'Avellino. Incontro, quest'ultimo, che, oltre i rituali e risaputi aspetti derbystici, avrà un altrettanto prevedibile rilievo statistico, impegnate come sono le due squadre a inseguire importanti obiettivi di classifica, coinvolte come sono nella lotta tanto per la promozione quanto per la permanenza in categoria.

Un probabile tripudio di folla, quindi, per le strade della città e intorno al percorso (agonistico di 10 km e amatoriale da 3 km) e un probabile tripudio di folla giù allo stadio, certo con buona rappresentanza anche del tifo irpino. Due mondi sportivi che dovranno parzialmente convivere e che comunque costringeranno l'adozione di un piano, di traffico e... smistamento, non esente dal rischio di sovrapposizioni e disagi e che chiamerà a un lavoro di 'precisione' chi dovrà soprintendere all'ordine pubblico.

Il regolamento e i manifesti della Strabenevento, organizzata dall'Amatori Podismo, sono pronti da tempo. Ci si raduna alle 7.30, alle 9.15 prende il via la prova per gli atleti, alle 11 c'è la stracittadina, dalle 11.30 tutte le premiazioni. Il fulcro è piazza IV Novembre, dinanzi alla Rocca dei Rettori, due sono i giri da 5 km., ognuno da percorrere in un centrale circuito cittadino, dove ovviamente non sarà consentito il transito veicolare: i due viali della zona alta, l'area che gravita attorno al corso Garibaldi.

L'afflusso allo stadio (dove la gara è stata anticipata alle 12.30), invece, non può essere programmato con tale rigore cronometrico, e certo importante sarà sfruttare anche la viabilità esterna alla città: ingolfarsi, però, tra chi arriva e chi dovrà lasciare Benevento dopo aver partecipato alla gara podistica è un'evenienza da tenere in considerazione. In più, la società del presidente Vigorito ha indetto, per la gara con gli irpini, la "Giornata giallorossa", ovvero una diminuzione del costo dei biglietti in tutti i settori dello stadio: non è da escludere, quindi, una crescita di pubblico.

Per una volta, forse, concertandosi con la Lega, il calcio avrebbe potuto segnare il passo e mirare ad ottenere una collocazione oraria tale da allontanare il pericolo di ingorghi; per una volta il riferimento all'ordine pubblico avrebbe avuto un preciso riferimento all'ordine inteso come razionalizzazione di eventi concentrati in un così ristretto arco temporale e non ad una prescrizione dell'Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive del Ministero dell'Interno.

E meno male che la XXXIV edizione del Torneo educativo di rugby giovanile "Città di Benevento" (una volta cosiddetto del 1° Maggio) è piazzato, quest'anno, in calendario il 29 e 30 aprile...