Concorsi al Comune di Benevento come la tela di Penelope: nuovamente impugnato davanti al Tar l'esito del concorso per dirigente dell'Area Tecnica

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Ebbene, il concorso per dirigente di area tecnica al Comune di Benevento vanterà, in corso d'opera e a opera finita, il pregevole primato di un doppio ricorso al Tar Campania. Si pensava, infatti, che ormai fossero del tutto alle spalle le peripezie vissute nel suo (articolato) percorso fino al licenziamento della definitiva lista di merito (dicembre 2016) ed all'immissione in servizio del vincitore, Maurizio Perlingieri, ingegnere e con una sfilza di competenze attualmente a palazzo Mosti (Settore Opere Pubbliche, Servizio Sportello Unico Edilizio, Servizio Pianificazione, Servizio Autorizzazioni Ambientali, Servizio Espropri del Settore Territorio Ambiente, Servizio Protezione Civile del Settore Polizia Locale, Gestione Traffico, Protezione Civile - nella esposizione del sito del comune). Non è così.

Varato sul finire del 2014, arenato prima del via sull'incompatibilità del presidente della Commissione (l'allora dirigente comunale Moccia), ripreso - con le prove scritte - nel 2015, arenato ancora prima della celebrazione della prova orale causa il ricorso al tribunale amministrativo di un concorrente escluso (l'allora dirigente di fiducia a tempo determinato del sindaco Pepe, Fucci), ripreso - con la prova orale - alla fine del 2016 e, finalmente, fissato in una graduatoria appunto a dicembre dello scorso anno, questo concorso-gimkana viene di nuovo messo in discussione da un partecipante.

Qualche giorno fa, infatti, al Comune è stato notificato l'atto col quale l'architetto Almerico Picariello ha proposto ricorso al Tar della Campania contro il Comune di Benevento nonché l'ingegnere Maurizio Perlingieri e la dottoressa Santina Napolitano. Picariello è risultato, all'esito della decisiva prova orale del citato concorso, idoneo ma al terzo posto della graduatoria con 75.5 punti, preceduto dall'altra idonea Napolitano, con 76.5 punti, e dal vincitore, appunto Perlingieri, che ha riportato 77.5 punti. Ma contro "la Determina Dirigenziale n. 1264 del 23-12-2016 avente ad oggetto 'l'approvazione graduatoria finale di merito relativa al concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura di un posto di Dirigente a tempo pieno e indeterminato Area Tecnica da assegnare al Settore OO.PP.', della relativa graduatoria, del bando di concorso del 14 ottobre 2014, quale atto presupposto, nonché di ogni altro atto presupposto, conseguente o connesso", l'architetto Picariello ha proposto appunto ricorso, in cerca dell'annullamento previa sospensiva.

Altro non svela la Determia dirigenziale con cui l'ente locale ha deciso di resistere in giudizio, ma, guardando alla nuda realtà dei numeri, dopo le due prove scritte e la valutazione dei titoli, la graduatoria del concorso era la seguente: Picariello 55.5; Napolitano 54.5; Perlingieri 53.5 punti. E' stata dunque la prova orale a sovvertire del tutto
tali esiti, con i 24 punti assegnati dalla Commissione d'esame a Perlingieri, rispetto ai 22 attribuiti a Napolitano ed ai 20 a Picariello.

per completezza di informazione, si ricorda che già nel recente passato il Comune di Benevento ha proceduto, stavolta su sentenza del locale tribunale del lavoro, al rinnovo di una procedura valutativa, a mezzo colloquio, che ha interessato la “mobilità volontaria per titoli e colloquio per la copertura di un posto a tempo pieno e indeterminato di un dirigente area amministrativa" (il cui espletamento ha segnato anche la fine della vicenda della selezione pubblica). Concorsi al Comune, la tela di Penelope.