Benevento, "la gestione degli impianti sportivi negli ultimi dieci anni è stata un vero e proprio caos"

- Politica Istituzioni di Luca Paglia*
foto di repertorio
foto di repertorio

Qualche domanda e una acclarata puntualità nelle risposte. La nota - che pubblichiamo integralmente di seguito - del consigliere comunale Luca Paglia (maggioranza), tra i più impegnati in via diretta nell'annosa problematica della gestione degli impianti sportivi comunali (assieme a componenti delle opposizioni, che pure correttamente ringrazia nel suo scritto), non abbisogna d'alcun commento: descrive con sufficiente chiarezza, infatti, lo stato dell'arte in una materia scivolosa. Nell'elencazione dell'attività finora svolta non poteva non venir fuori in modo esplicito un giudizio sull'inattività alle spalle, che Paglia illustra dal suo punto di vista.

Paradossalmente, il consigliere mastelliano - soddisfatte quelle poste dall'articolo di ieri del Vaglio.it - pone in via indiretta anch'egli delle domande, che restano sul 'pratico', ovvero chiamano la precedente amministrazione di centrosinistra a fornire dettagli e delucidazioni sul perché il rapporto fra politica e sport, declinato sul versante della gestione degli impianti sportivi dell'ente (quindi della comunità degli amministrati), si sia stranamente "sclerotizzato". Con un danno evidente, a leggere le parole del consigliere
.
***
"Gentile Direttore, ho letto con interesse l’articolo apparso il giorno 25/7 (leggi) sul Suo Giornale e ne comprendo la sostanza : la gestione degli impianti sportivi negli ultimi dieci anni ( mi conceda l’esimente per questo ultimo trascorso, per quanto dirò in seguito ) è stata un vero e proprio caos.

Premetto che la “normalizzazione” e “legalizzazione” di tale settore ha riguardato un punto specifico previsto nel programma di mandato Mastella ed all’insediamento della Commissione Sport, tanto si è programmato e attuato, in ossequio alla riferita previsione programmatica. La situazione è molto complessa, convivono ad oggi contratti di affidamento in gestione che hanno vicende diverse; faccio un esempio : per il bocciodromo di via S. Colomba vi è a tutt’oggi, salvi gli esiti della prossima gara, un contratto particolare, risalente al 1956, rispetto al quale il Comune ebbe a concedere il diritto di superficie e la struttura è stata costruita dai gestori del tempo, chiaramente con un canone assolutamente irrisorio, quale contropartita del costo dell’erigenda struttura.

Per altre strutture, sempre in passato, è stato ritenuto di affidarle senza alcuna gara (ad esempio, il IV Circolo Rugby di via Compagna) non onerando il gestore di alcun canone, ritenendosi che tale struttura svolgesse un’opera sociale e di attenuazione del disagio sociale relativamente ai minori provenienti da famiglie indigenti. Altre ancora hanno beneficiato del prolungamento temporale di cui all’art. 4 del Regolamento comunale per la gestione degli impianti, presentando un progetto di miglioria della struttura. Un altro gestore ha beneficiato della c.d. delibera “Ionico”, anno 2007, che ha mutato, fino al 2013, anno di approvazione del Regolamento che poi ha cambiato completamente indirizzo (!), con ingenti opere di manutenzione straordinaria a carico del Comune. Per la Stadio comunale è poi prevista una deroga nel Regolamento comunale, ovvero ha altra e diversa regolamentazione. Potrei proseguire, essendo diciannove gli impianti….

Tutta la Commissione, con idem sentire, ha percepito l’importanza di fare chiarezza, di mettere ordine in un Settore delicato; ricordo che con la valida e competente collaborazione del Collega Vincenzo Sguera, che ha da subito messo a disposizione tempo e professionalità in favore della Commissione, senza alcun ottuso pregiudizio di appartenenza politica, è stata già recuperata ( con consegna delle chiavi ) una struttura gestita di fatto da un pregiudicato, come pure è stato raggiunto, a cura nostra - dopo anni di pervicace e convinta morosità ( € 140.000,00 la somma dovuta ) - un accordo transattivo per il rilascio pacifico della struttura di via N. Cosentini ( per i primi di settembre ). Non dimentico, per onestà, neanche l’attivismo del Consigliere Nicola Sguera. Insomma, una vera e propria rivoluzione, della quale andiamo orgogliosi, che ha interrotto un “andazzo” davvero mortificante per la città. Vengo ora al punto riguardo alle domande che Lei giustamente mi ha rivolto.

Sulla prima domanda : è evidente che la concessione per gli impianti andati a bando è scaduta, altrimenti non avremmo potuto approntare i bandi ed indire la gara; dovremmo chiederci – piuttosto – per quale oscuro motivo essi sono stati in passato prorogati senza alcuna valida motivazione.

Sulla seconda domanda : le concessioni non sono affatto rinnovate in quanto nei rapporti con la Pubblica amministrazione non esiste, ex lege, la rinnovazione tacita.

Sulla terza domanda : Lei forse intendeva chiedere se sono state consegnate le chiavi in quanto non rinnovate le concessioni; no, le chiavi non sono state consegnate in quanto le concessioni sono prorogate ( non rinnovate ) fino alla aggiudicazione. Aggiungo che, relativamente alle morosità maturate nel corso degli anni, la Commissione ha rivolto sette diffide ( in un anno ) ai competenti Dirigenti affinchè agiscano per tentare di recuperare quanto dovuto al Comune. Le posso dire che, per esperienza, non ci sono grandi possibilità di recupero, attesa la natura dei gestori – Associazioni sportive dilettantistiche – ed è proprio per questo che la Commissione ha imposto, per le nuove gare, la stipula di adeguata polizza fideiussoria.

Per gli ultimi dieci anni di vita amministrativa ( escluso questo, se L’avrò convinta ), dovrebbe chiedere al Sindaco ed ai Dirigenti pro tempore perché è accaduto tutto ciò. Forse dovremmo anche chiederlo ai gerenti del PD, al Segretario provinciale in primis, che parla di incapacità amministrativa dell’attuale amministrazione : è pienamente consapevole di ciò che dice ? Ha mai letto un (uno) atto prodotto dalla vecchia amministrazione ed uno di quella attuale ?"

(* consigliere comunale della Lista Mastella; presidente della Commissione consiliare Sport)