Gestione dello stadio: Pepe non chiude alle proposte di De Nigris

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
Fausto Pepe
Fausto Pepe

Il consigliere di opposizione al Comune di Benevento, Fausto Pepe (PD), sindaco della città dal 2007 al 2016, con una nota odierna replica al comunicato, pubblicato ieri, di Luigi De Nigris capo del gruppo consiliare 'Noi Sanniti' di maggioranza al Comune di Benevento. Sostiene Pepe: Devo ammetterlo, il capogruppo De Nigris ha aperto un “varco” di non poco conto sulla delicata e intricata vicenda della gestione Stadio Comunale “Ciro Vigorito”. Sono molto d’accordo sul metodo indicato e quindi sul ventaglio di scelte delle eventuali procedure da utilizzare.

Innanzitutto verificare quello che è accaduto negli ultimi 10 anni di storia di questo importante impianto sportivo è fondamentale, così come capire del perché della convenzione del 2007 e quindi dei lavori eseguiti dal Comune di Benevento e dalla Società di Calcio di Oreste Vigorito.

La promozione in serie B e quindi quella della serie A è nata proprio dall’utilizzo di questo impianto, che nel lontano 2006 non era nemmeno collaudato, all’epoca si chiamava Santa Colomba, e doveva “aprire e chiudere” il tempo del’utilizzo, per permettere lo svolgimento degli incontri di calcio, e solo con una ordinanza del Sindaco. Tempo da allora ne è passato e passi in avanti ne sono stati fatti.

Oggi dobbiamo garantire alla Città una prospettiva importante, la serie A, che in Italia è un fattore di “attrattività” non secondario. Studiare altri modelli di altre realtà ci potrebbe sicuramente aiutare se non addirittura indirizzare. Aprirsi alla “disponibilità” di trovare una soluzione condivisa tra le parti nonché trasparente, perché perseguita nell’aula di consiglio e nelle commissioni, sicuramente ci aiuta. Sono “molto” d’accordo quindi con la proposta di Gino De Nigris, diamo un nuovo impulso a questa vicenda e tentiamo assieme di essere all’altezza della situazione, con un’unica variante però, coinvolgiamo sin da subito la Società Benevento calcio.