Città Spettacolo: Pasquariello replica alle critiche di Confcommercio

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

La Confcommercio di Benevento ha diramato ieri una nota critica nei confronti della Giunta Mastella, sulle organizzazione di Città Spettacolo. Oggi gli risponde il vicesindaco Mario Pasquariello che così scrive: Dopo aver letto la nota inviata ai mezzi di informazione dal presidente di Confcommercio in merito alla ordinanza sindacale emessa in occasione di Città Spettacolo, avendo sottoscritto io la stessa per l’assenza del Sindaco, ritengo opportuno precisare quanto segue onde evitare inutili allarmismi da parte degli operatori commerciali del centro storico.

Nell'ordinanza non si parla di allestimento di stand enogastronomici per degustazioni lungo Corso Garibaldi. È detto "saranno allestite degustazioni" (come, ad esempio "Città Spettacolo con gusto": degustazioni guidate delle eccellenze sannite ai Giardini di Teatro De Simone) che è ben altra cosa.

Le autorizzazioni al commercio su aree pubbliche operanti nel centro storico che vengono sospese sono quelle dei venditori itineranti e non ci si riferisce agli esercizi commerciali che sono stati regolarmente autorizzati all’occupazione di suolo pubblico innanzi ai propri locali (dehors).

E’ del tutto evidente che durante Città Spettacolo nell'area teatro della manifestazione nessuno potrà vendere bevande in bottiglie di vetro e/o lattine.

Il punto 5 dell'ordinanza (raccolta differenziata dei rifiuti derivanti dall'attività svolta e pulizia dell'area relativa alla predetta attività) si rivolge sia a chi realizza specifiche attività previste nel programma della manifestazione (“Città Spettacolo con gusto”: degustazioni guidate delle eccellenze sannite ai Giardini di Teatro De Simone; “Pizze Sannite” a Piazza Piano di Corte; “Tropp Street Food”: percorso di cibo da strada lungo Via Bartolomeo Camerario) sia agli esercenti attività commerciali affinché tengano puliti gli spazi antistanti la propria attività

I punti 6 e 7 dell'ordinanza (utilizzo di attrezzature per la preparazione degli alimenti e di apparecchiature elettriche conformi alle normative vigenti) sono chiaramente riferiti agli esercenti attività di preparazione di alimenti di cui al programma della manifestazione.

Per quanto attiene, infine, i servizi igienici ricordo a me stesso che è fatto obbligo ai pubblici esercizi di tenere aperti e disponibili i propri servizi igienici.

Tanto si doveva al fine di tranquillizzare gli operatori commerciali sulle intenzioni di questa Amministrazione che mira, senza ombra di dubbio, al rilancio dell’economia cittadina anche attraverso una manifestazione culturale quale è Città Spettacolo.