La poco virtuosa, virtuale Benevento. Scrive e discute su un fatto mai esistito: un Carrefour al posto dell'ex Cinema S. Marco

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
L'ex Cinema San Marco in Benevento
L'ex Cinema San Marco in Benevento

La strada: Via Traiano; il luogo Cinema San Marco; l'antefatto: “Lo storico market diventa cinema”; il fatto: “La sfida: resterà un cinema”. Nel vorticoso turbinare di anglismi, il mondo della comunicazione va affrontato, dal lettore, con tanto di vocabolario alla mano; dall'account al case study, dal feedback alle new media agency, dal webinar allo zmot per giungere alle fake news, è talmente tutto un fiorire di competenze che quando, talvolta, ci si può muovere senza librarsi così in alto Oltremanica, il senso di appagamento è inimmaginabile.

Ecco perché nel porre a confronto, a un paio di giorni di distanza altrettanti articoli del Mattino (8 e 10 novembre) il primo pensiero è proprio partenopeo, come il quotidiano: il contenuto esposto “fa 'a fine de' tracche” (fa la fine dei petardi: tanto rumore per nulla). Su tale nulla, però, nell'intervallo fra la prima e la seconda puntata, il riflesso mediatico ha dettato una forte mobilitazione 'social', ancor più giustificata quando il tema in discussione (qualcosa fra la cultura che svanisce e le attività produttive da far riapparire) appare vitale per il territorio.

La rotta della notizia è quella tracciata in avvio: “Comune di Benevento, direttore del supermercato e proprietario dei locali (Giuseppe Faraonio) starebbero per chiudere un’intesa che prevede la sistemazione di un «Carrefour» nell’ex storico cinema San Marco in via Traiano”. I margini della certezza, nonostante il verbo al condizionale, sono presto spesi: “Il piano B, ma molto B, per l’insediamento in centro della prestigiosa catena riguarderebbe il fitto dei locali in piazza Federico Torre (San Bartolomeo) di proprietà Girolamo”.

E invece... "Non c'è all'orizzonte un progetto che preveda altro dalla ristrutturazione e rilancio del locale di nostra proprietà”, sono le parole della società proprietaria dei locali del San Marco pubblicate, sempre dal Mattino, due giorni dopo. “Il riferimento è all'ipotesi di interessamento da parte di Carrefour... Intenzione non seguita da contatti da parte dei responsabili dell'ipermercato” (ma allora come potevano essere sul punto di chiudere l'intesa annunciata nella puntata precedente? - Ndr). Tesi comunque corroborata in chiusura d'articolo: “Carrefour? Se si facesse ufficialmente avanti perché non ascoltare le loro proposte?”.

*

(Giova ancora ricordare, giusto per chiudere un cerchio, che sin dalla pubblicazione del primo articolo del Mattino sulla mutazione genetica del cinema San Marco, l'assessore alle Attività produttive del Comune di Benevento Luigi Ambrosone aveva smentito l'evenienza attraverso un'intervista rilasciata a Tv7.

Giova ancora riportare quanto affidato dal sindaco Mastella al suo profilo Facebook: “Qualche cretino e qualche avversario hanno messo in giro la notizia che l'amministrazione avrebbe dato il permesso per fare un supermercato al posto del cinema San Marco. È una notizia falsaaaaaaaaaaaa. Non è possibile per legge”).

*

Una nuova frontiera del giornalismo, dunque, è stata resa accessibile al lettore: fare in modo che egli si formi un giudizio non basato su fatti, ma – per restare al caso in questione – alla “ipotesi di interessamento” colpevolmente rimasta a livello di “intenzione”. Di qui l'origine del famoso e fumoso “processo” alle intenzioni sfociato nell'indignazione 'social'. D'altra parte sono tempi, questi, in cui accanto al termine realtà l'aggettivazione più spesa è 'virtuale', cioè simulata.