L'Ordine dei Medici censura il dibattito sui vaccini. I dirigenti dell'Asl e dell'ospedale "Rummo": 'Inseriti a nostra insaputa"

- Opinioni IlVaglio.it
Giovanni Ianniello, presidente dell'Ordine dei Medici di Benevento
Giovanni Ianniello, presidente dell'Ordine dei Medici di Benevento

Il presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Benevento, Giovanni Pietro Ianniello, è intervenuto - attraverso una nota diffusa alla stampa - sull'iniziativa: “Vaccinazioni: atto di fede o libertà di scelta?”, organizzato dalla Va.Li.Ca. (Vaccini Liberi Campania) per lunedì 13 novembre a Benevento (hotel President). Dopo la sua sortita, è giunta ai giornali una nota del management dell'Azienda ospedaliera 'Gaetano Rummo' che si dissocia e denuncia di essere stato inserito a propria insaputa tra i relatori.
Sostiene Ianniello: In merito a detto incontro, Ianniello sottolinea il rischio della "diffusione di informazioni scorrette e pericolose per la salute pubblica; sarebbe opportuno che nessuna rappresentanza della classe medica partecipasse ad un appuntamento che si prefigura dannoso e privo di qualsiasi valenza scientifica, vista la partecipazione di soggetti da cui la categoria professionale dei medici ha già preso le distanze”.

“Sui vaccini – prosegue Ianniello - nonostante l’approvazione della legge che ne introduce l’obbligo, continua a svilupparsi un dibattito, nel quale prendono la parola persone prive di competenze. La Cassazione (ordinanza 23 ottobre 2017 n. 24959) ha ribadito che non c’è alcun nesso causale tra vaccini e autismo. Questo pronunciamento della Suprema Corte toglie ogni autorevolezza a quanti ancora fomentano le famiglie a intraprendere rivendicazioni legali, millantando che l’autismo sia provocato dai vaccini. Un evento del genere, promosso durante la campagna di vaccinazione antinfluenzale, rischia di trasmettere messaggi errati e dannosi per la salute del cittadino. Mettere in discussione l’utilità del vaccino antiinfluenzale determinerebbe un aumento della mortalità e delle complicanze da patologie virali, soprattutto nei bambini, negli anziani e nei pazienti fragili per patologie croniche. Sarebbe opportuno che tutte le Istituzioni assumessero posizioni in linea con quelle della comunità scientifica , per contrastare la diffusione di informazioni scorrette e pericolose per la salute pubblica”.
***
Sostiene il management dell'Asl e del 'Rummo': In data odierna il Direttore Generale della Asl Benevento ed il Direttore Sanitario della Azienda Ospedaliera Rummo apprendono con estremo disappunto di essere stati inseriti, a loro insaputa, come “relatori” in un convegno privo di alcun valore scientifico sul tema delle vaccinazioni che si terrà alle ore 18, in data odierna, a Benevento. L’inserimento dei nominativi dei Direttori nel programma di questo evento è del tutto arbitrario, pertanto, le Direzioni delle Aziende Sanitarie nel prenderne le distanze, sottolineano che la materia delle vaccinazioni, supportata da evidenze scientifiche, è definita da precise norme dello Stato e direttive ministeriali ed finalizzata alla prevenzione di malattie pericolose per l’individuo e la collettività.