Il Tar ha dichiarato inammissibile il ricorso di Lucio Lonardo. La replica dell'ex presidente

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
Lucio Lonardo
Lucio Lonardo

Comunica l'ufficio stampa di Palazzo Mosti: Si rende noto che la Sezione Prima del TAR della Campania, con sentenza breve n. 5774 del 6 dicembre, ha dichiarato l'inammissibilità del ricorso proposto dall'ex presidente del CdA di Asia Benevento S.p.A (Lucio Lonardo, NDR) relativamente alla presunta illegittimità delle procedure che hanno condotto il Comune di Benevento a nominare il nuovo organo amministrativo nella persona del dottor Donato Madaro. “Tale sentenza – ha dichiarato l’assessore al Controllo Analogo, Maria Carmela Serluca - è di particolare importanza poiché assicura l'indispensabile continuità gestionale e operativa della società affidataria di servizi pubblici di fondamentale rilievo ed insuscettibili di soluzioni di continuità”.
***
In serata è giunta la nota in replica di Lucio Lonardo. L'ex presidente del CdA dell'Asia innanzitutto ha premesso: "Ritengo utile e necessario, in considerazione delle elusive, poco esaustive, nonchè fuorvianti dichiarazioni dell'Assessore Serluca, evidenziare la reale ricostruzione dei fatti inerenti il ricorso presentato dallo scrivente dinanzi al Tar della Regione Campania". Quindi Lonardo ha scritto: "Il Tar Campania con sentenza breve n. 5774/2017 ha dichiarato 'l’inammissibilità per difetto di giurisdizione, in favore della dell’autorità giudiziaria ordinaria, innanzi alla quale la causa dovrà essere riassunta ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 11 c.p.a. entro tre mesi da passaggio in giudicato della presente decisione'.

Con tale decisione il Tar Campania ha ritenuto che 'la natura privatistica dell’ASIA s.p.a. impone di escludere che la nomina dell’amministratore unico della società da parte del socio unico, Comune di Benevento, costituisca manifestazione di un potere pubblico autoritativo, dovendosi, di conseguenza, qualificare la posizione del ricorrente in termini di diritto soggettivo, la cui tutela è affidata alla giurisdizione dell’Autorità giudiziaria civile, tra l’altro non sussistendo nel caso in esame alcuna ipotesi di giurisdizione amministrativa esclusiva' (così testualmente il Tar Campania nella decisione resa), ritenendo anche che 'Sussistono giusti motivi per compensare tra le parti le spese processuali'.

Il Tar non ha rigettato il ricorso proposto dal dott. Lonardo e non ha ritenuto legittima la nomina del dott. Madaro all’Asia (come richiesto al Tar dai difensori del Comune di Benevento, del dott. Madaro e dell’Asia), anzi, ritenendo di qualificare la posizione del ricorrente dott. Lonardo come di 'diritto soggettivo' ha indicato nel giudice civile il giudice dotato di giurisdizione per decidere se la nomina del dott. Madaro è legittima o meno.

Ovviamente dinanzi al giudice civile sarà riassunta la causa prospettando la valutazione della correttezza o meno della nomina del dott. Madaro anche alla luce di notizie recentemente note, nonché richiedendo il danno per l’anticipata conclusione dell’incarico di amministratore dell’Asia".