Carabinieri in azione nel Sannio, nelle periferie e nei locali della movida: denunce e arresti

- Cronaca IlVaglio.it

Comunica il Comando Provinciale Carabinieri di Benevento: Nell’ambito delle attività volte a rafforzare la percezione di sicurezza da parte dei cittadini e a contrastare l’illegalità diffusa, con particolare attenzione alle aree periferiche e alla cosiddetta movida, troppo spesso caratterizzata da fenomeni di degrado e devianza, dal 4 al 9 dicembre il Comando Provinciale dei Carabinieri di Benevento ha svolto servizi straordinari mirati al controllo di questi fenomeni in tutta il Sannio.

I servizi sono stati rivolti non solo al contrasto ai fenomeni di illegalità generale, come reati predatori, uso e spaccio di stupefacenti, parcheggiatori abusivi, ma anche ai comportamenti di violazioni commerciali, vendita di prodotti contraffatti, con verifiche amministrative a sale giochi e locali di intrattenimento, oltre che all’usuale prevenzione dei reati in genere.

Le attività sono state condotte principalmente nelle fasce serali e notturne dai reparti delle Compagnie dipendenti, con l’ausilio dei militari del Nucleo Investigativo e dei rinforzi della Compagnia di Intervento Operativo del 10° Reggimento Carabinieri Campania, oltre a personale dei Nuclei Ispettorato del Lavoro di questo capoluogo e Antisofisticazione di Salerno.

Sono stati impiegati 86 mezzi con 217 militari e in totale sono stati controllati e identificati 702 soggetti; 470 veicoli; 41 esercizi commerciali. Nel contempo sono state: arrestate 3 persone; denunciate in stato di libertà 16 persone; sono stati, inoltre, proposti per l’irrogazione del Foglio di via obbligatorio 10 pregiudicati, di cui tre di origini rumene, tutti con precedenti per reati contro il patrimonio provenienti dalle province limitrofe Napoli e Caserta i quali sono stati sorpresi aggirarsi in alcune zone isolate di alcuni comuni della provincia alla probabile ricerca di obiettivi da depredare

Stati segnalati alla Prefettura 14 consumatori di stupefacenti ai sensi dell’art.75 D.P.R. n.309/1990, per lo più giovani tra i 18 e 30 anni, la maggior parte dei quali sono frequentatori della movida di Montesarchio e Benevento.

Eseguite 15 perquisizioni domiciliari e 22 personali, che hanno condotto al sequestro di 3 armi detenute irregolarmente e di 37 grammi di sostanze stupefacenti tra marijuana, hashish, cocaina e crack; sono state sottoposti a sequestro amministrativo 13 autoveicoli, sprovvisti della prevista copertura assicurativa.

Nel dettaglio durante i servizi svolti nel capoluogo e comuni limitrofi i Carabinieri della Compagnia di:

  • di Benevento hanno denunciato in stato di libertà:
  • 5 titolari di altrettanti esercizi pubblici, nello specifico pub, bar e un night club, i quali avevano alle dipendenze in totale 15 lavoratori privi del contratto di assunzione. Per un esercizio commerciale è stato necessario disporre la sospensione dell’attività fino alla regolarizzazione dei dipendenti;
  • 6 cittadini di Benevento, già noti ai Carabinieri per i loro trascorsi penali, responsabili di esercizio abusivo dell’attività di parcheggiatore;
  • un 64enne di Pietrelcina, trovato nel corso di perquisizione domiciliare in possesso di un fucile a retrocarica, illegalmente detenuto;
  • tre giovani, due uomini e una donna - un 23enne di Sant’Angelo a Cupolo, un 23anni e una 22enne di Benevento, responsabili di una rissa, nei pressi di un esercizio pubblico di San Giorgio del Sannio. I tre, per questioni private, venivano a diverbio passando alle vie di fatto, per cui riportavano lesioni lievi guaribili in pochi giorni;
  • una coppia di senegalesi, lui 60enne e lei 53enne, domiciliati a Napoli e responsabili di detenzione e commercio di prodotti contraffatti, mentre stavano vendevano 350 DVD illecitamente riprodotti, che sono stati sequestrati,

inoltre, i militari hanno rinvenuto nei pressi del campo sportivo una Fiat Uno, che era stata rubata qualche giorno fa ad una casalinga del capoluogo e che è stata restituita alla proprietaria;

di Montesarchio, nei territori della Valle Caudina, hanno tratto in arresto:
un albanese di 33 anni senza fissa dimora, responsabile di furto in abitazione, che è stato intercettato mentre, unitamente a due complici, tentava di fuggire ai militari. I Carabinieri infatti erano stati informati da una cittadina di Moiano che aveva sorpreso dei ladri nella propria abitazione; questa tempestivamente aveva informato i militari dell’autovettura sospetta con la quale si erano allontanati. Lo straniero, a bordo di un’Alfa Romeo 156, ha tentato di eludere l'auto dei militari fatta convergere sulla zona ma al termine di un breve inseguimento degli equipaggi della Compagnia di intervento operativo i tre sono stati costretti ad abbandonare la macchina nei pressi del cimitero di Arpaia. I due complici, grazie all’oscurità e alle adiacenti aree campestri sono riusciti a far perdere le loro tracce, mentre l’uomo, inseguito anche nelle campagne è stato fermato e trovato in possesso di alcuni orologi di valore. A bordo del mezzo sono stati trovati arnesi da scasso e altro materiale, ora al vaglio dei militari della squadra rilievi. Sono tuttora in corso indagini per individuare gli altri due complici, che si sono dati alla fuga a piedi. L’arrestato è ristretto in camera di sicurezza in attesa del giudizio direttissimo domani;

un 43enne di Montesarchio, in esecuzione di un’ordinanza del Tribunale di Benevento, poiché condannato ad espiare la pena residua di anni 1 mesi 5 e 28 giorni di detenzione, in regime di arresti domiciliari, per i reati di furto e ricettazione, commessi tra il 2012 e il 2015;

hanno anche deferito in stato di libertà:
il titolare di un night club di Torrecuso all’interno del quale 9 delle 11 intrattenitrici di nazionalità russa, rumena e italiana erano prive di alcun contratto di lavoro, per cui oltre alle sanzioni amministrative è stata disposta la chiusura temporanea dell’esercizio;

3 uomini e una donna di Montesarchio - un 23enne, un 30enne, un 27enne e una 26enne - ritenuti responsabili di detenzione di stupefacenti in concorso, essendo stati trovati in possesso, a seguito di perquisizione personale, di 5 bustine in cellophane contenenti marijuana e crack;

un37enne di Montesarchio, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, poiché nel corso di perquisizione personale è emerso che deteneva 3 bustine contenenti hashish e 2 di marijuana. Anche nel corso della successiva perquisizione domiciliare sono stati trovati e sequestrati strumenti utili al confezionamento di dosi dello stupefacente, quali forbici e un bilancino di precisione;

di San Bartolomeo in Galdo, sono dovuti intervenire nel corso della tradizionale manifestazione dei fuochi della Festa dell’Immacolata, durante i quali, un 38enne del luogo, in evidente stato di ubriachezza, ha molestato i passanti e i militari sono stati costretti a farlo ricoverare presso l’ospedale civile Rummo di Benevento per le terapie del caso, deferendolo all’A.G. per minacce e resistenza a P.U.. Inoltre, gli stessi carabinieri, in esecuzione di ordine di custodia cautelare hanno tratto in arresto un uomo che dovrà scontare, in regime di detenzione domiciliare, la pena di 2 mesi e 20 giorni per furto aggravato.