Bando periferie: fondi a Benevento grazie al PD. La replica di Reale: 'Maldestri"

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
Umberto Del Basso De Caro
Umberto Del Basso De Caro

Il Circolo PD Benevento ascrive innanzitutto al Governo Gentiloni e al sottosegretario Umberto De Basso De Caro, in particolare, il merito del finanziamento del progetto del Comune di Benevento presentato per il bando periferie. Il PD ricorda che, in origine, il progetto presentato dalla Giunta Mastella arrivò nella graduatoria di merito 114° su 120 e non fu finanziato. Ora "grazie ad un ulteriore stanziamento di 1,6 miliardi di euro stabilito dalla Cabina di regia del Fondo Sviluppo e Coesione (che ha visto la partecipazione attiva del Sottosegretario Umberto Del Basso De Caro) tutti i progetti sono stati finanziati. Tutti. Fino all'ultimo classificato. Quindi anche la città di Benevento, che prima di questo intervento era stato esclusa, riceverà dal Governo 18 milioni di euro".
Pochi minuti dopo è giunta la replica dell'assessore comunale all'Urbanistica della Giunta Mastella, Antonio Reale (FI), tesa a confutare quanto asserito dal PD e a rivendicare alla propria amministrazione il merito di quanto ottenuto nella difficili condizioni in cui ha inizialmente operato. Di seguito le due note.

Scrive il Partito Democratico di Benevento:
Manca solo la firma (prevista per la prossima settimana) e poi l'iter dei finanziamenti previsti dal bando periferie giungerà a conclusione. In merito alla vicenda, però, è il caso di fare un piccolo excursus. Nel bando di fine maggio 2016 fu prevista una spesa di 500 milioni di euro. Nella graduatoria con cui, poi, furono resi noti i progetti finanziabili (solo i primi 24), quello presentato dal Comune di Benevento risultò agli ultimi posti (114° posto su 120, col peggior punteggio).

Grazie ad un ulteriore stanziamento di 1,6 miliardi di euro stabilito dalla Cabina di regia del Fondo Sviluppo e Coesione (che ha visto la partecipazione attiva del Sottosegretario Umberto Del Basso De Caro) tutti i progetti sono stati finanziati.

Tutti. Fino all'ultimo classificato. Quindi anche la città di Benevento, che prima di questo intervento era stato esclusa, riceverà dal Governo 18 milioni di euro. Questi sono i dati inconfutabili riportati dalla Gazzetta Ufficiale e dal verbale della riunione della Cabina di regia del Fondo Sviluppo e Coesione. Ancora una volta, quindi, va evidenziato che i Governi a guida PD, prima Renzi e poi Gentiloni, hanno mostrato una particolare attenzione per il nostro territorio, con un impegno concreto e tangibile.

Scrive in replica l'assessore Antonio Reale:
E’ davvero sorprendente che il circolo Pd di Benevento, nel disperato tentativo di far dimenticare i disastri causati da un decennio di disamministrazione della città, tenti ora maldestramente di attribuirsi meriti relativamente al finanziamento di 18 milioni per i progetti presentati dall’Amministrazione Mastella nell’ambito del Bando Periferie, la cui spesa complessiva ammonta a 27 milioni grazie alle risorse messe a disposizione dai privati.

Sarebbe stato, infatti, più corretto se nel suo breve excursus il circolo Pd avesse anche ricordato che l’Amministrazione Mastella fu costretta, a solo un mese dal suo insediamento, a predisporre ed approvare a tempo di record il pacchetto di progetti da presentare al Governo a causa dell’inerzia della precedente Amministrazione a guida Pd.

Allo stesso modo sarebbe stato più corretto che il circolo Pd avesse anche spiegato che la posizione non ottimale in graduatoria conseguita dai progetti presentati dal Comune di Benevento non è stata determinata da eventuali colpe attribuibili all’Amministrazione Mastella quanto piuttosto solo dall’impossibilità di prevedere l’utilizzo di risorse dell’Ente in conseguenza del dissesto finanziario causato proprio dalla precedente Amministrazione a guida Pd.

E’ questa la realtà dei fatti che i cittadini di Benevento hanno dimostrato di ben conoscere e che il Pd tenta disperatamente di far dimenticare attribuendosi meriti che, invece, vanno ascritti esclusivamente all’impegno e alla tenacia del sindaco Mastella e della sua Amministrazione.