Io x Benevento: Asia e lavoratori interinali, tutte le perplessità del bando

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Il Presidente dell’Associazione IO X Benevento, Giuseppe Schipani, sollecitato da un gran numero di dipendenti interinali che prestano servizio presso l’ASIA di Benevento, relativamente al Bando pubblicato dall’Azienda che prevede l’assunzione di circa 40 persone, ha ritenuto utile e necessario, nella giornata di sabato 16 dicembre, ascoltare i dipendenti su quando sta accadendo in ASIA.

L’incontro - ricorda una nota dell'associazione "è stato utile per declinare anche l’attuazione di alcune politiche gestionali che non possono non interessare la cittadinanza in quanto, queste politiche hanno attuazione solo grazie alla TARI degli utenti essendo il costo della gestione dei rifiuti interamente a carico di essi. A tal proposito, Schipani, per ulteriori chiarimenti, ha chiamato ed è stato subito raggiunto, anche dai vertici dell’ex CDA dell’ASIA, Lucio Lonardo e Mario De Masi.

Ma andiamo con ordine: il primo punto che va declinato, riguarda la Signora dei contatori, al secolo l’Assessore Serluca nota per la Sua politica di risparmio solo per aver disattivato 27 contatori di utenze che annunciava nella gestione Quattrocciocchi (ma chi l’ha visto?) il trasferimento ad horas della sede amministrativa ASIA del costo di 30.000 euro annue ad altra sede di proprietà comunale a costo zero. E’ notizia di questi giorni il rinnovo del fitto agli stessi patti e condizioni.

Secondo punto, dopo la brutta figura del trasferimento di parte delle attività della sede tecnica ASIA di Ponticelli a Ponte Valentino e dopo il precipitoso ritorno alle sede quo ante per provvedimento del tribunale per aver occupato un terreno sottoposto a provvedimento di sequestro amministrativo, non prima di aver provveduto a proprie spese a migliorie di un sito non di proprietà (Corte dei Conti dove sei?), Sindaco, Serluca, Quattrociocchi, Russi, annunciavano entro dicembre il trasferimento di detta sede in capannoni in contrada Olivola, uno denominato ex Laser, bene comunale, e un altro da acquisire proveniente da un precedente sequestro. Allo stato nulla è stato prodotto!

Il terzo punto, è l’avviso pubblico a tempo determinato per operatori ASIA per raccolta rifiuti e spazzamento. Ecco, alcune considerazioni che sono state oggetto dell’incontro: ​

a) L’opportunità di tale bando viene meno alla luce della legge Regionale 5 che consente l’utilizzo di interinali e ASU escludendo un avviso pubblico, dunque, obbligando in questo caso l’ASIA ad utilizzare i lavoratori degli ex Consorzi di bacino

b) L’eventuale risparmio, con tale procedura, derivante dal mancato corrispettivo all’Agenzia somministratrice, è vanificato dal costo di essa per procedere alla selezione dei candidati che si presume essere oltre i 1500 aspiranti. Ai prescelti bisognerà garantire formazione, presidi di sicurezza, visita medica preventiva, vestiario con ulteriore impegno di spesa. A questo proposito singolare e non regolare è che il responsabile della sicurezza ai sensi della legge 81\08 ex 626 risulta essere anche il datore di lavoro di essa Azienda pur essendo un semplice convenzionato esterno. Altrettando singolare è che vengano assunti lavoratori in una sede fatiscente con evidenti e accertati problemi di staticità e con lesioni strutturali evidenti (ispettorato del lavoro e uffici ASL totalmente assenti sull’argomento)

c) Ragioni di opportunità fanno sì che a pensar male si pensi bene, perché il bando troverebbe il proprio espletamento dopo 6 mesi di sospetta inerzia proprio in coincidenza delle elezioni politiche del 4 marzo coinvolgendo almeno un bacino di utenza tra candidati e familiari di circa 6000 unità. E ancora curiosa è la coincidenza che il bando venga pubblicato a sole 72 ore dalla convention del Sindaco a Napoli Marittima per la presentazione del Suo nuovo (?) partito

d) La clausola del bando relativa ai “requisiti per l’ammissione”, ove indirizzata a precludere la partecipazione alla selezione a quei lavoratori che, avendo prestato servizio in forza di contratto di somministrazione, hanno superato complessivamente i 24 mesi di servizio, suscita forti e motivati dubbi di legittimità. Infatti , le previsioni di cui agli artt. 19 e seguenti del decreto legislativo n. 81 del 15/06/2015 (norme integrative del Jobs Act), disciplinanti i contratti di lavoro a tempo determinato, e quindi i loro limiti temporali, non potrebbero trovare applicazione nella diversa fattispecie dei contratti di somministrazione di lavoro, di cui agli artt. 30 e seguenti dello stesso decreto legislativo n. 81/2015. Invero il contratto di somministrazione viene sottoscritto tra l’agenzia interinale ed un utilizzatore (in questo caso l’ASIA), per cui non si stabilisce un rapporto di lavoro subordinato, sia pure a tempo determinato, fra lavoratore e utilizzatore. Per questa ragione è assolutamente consigliabile che tutti i “somministrati” interessati a partecipare alla selezione presentino in ogni caso la relativa domanda. Eventuali provvedimenti di esclusione potranno poi essere impugnati, anche con procedura di urgenza, davanti alla competente autorità giurisdizionale.

Al termine dell’incontro, si è convenuto con tutti i presenti di presentare un documento a S.E. il Prefetto e ad altri organi competenti contenente le eventuali perplessità che dovessero emergere alla luce dei pareri legali che si andranno ad acquisire. Intanto, l’Associazione IO X Benevento, a partire da lunedì 18 dicembre, istituirà presso la propria sede, ex – edificio scolastico S. Modesto Uno, in piazza S. Modesto, uno sportello di consulenza legale amministrativa, relativamente all’istruttoria prevista dal bando emanato dall’ASIA. Oltretutto, si rende noto che l’Associazione, ha già dato mandato ai propri legali di studiare ed avviare tutte le procedure utili per salvaguardare e rivendicare un principio di legalità amministrativa che, evidentemente, viene puntualmente ignorato e calpestato dall’Amministrazione Comunale".