Trotta Bus, lavoratori e disagi: De Pierro (Pd) interroga sindaco ed assessore

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Tra l'acqua staccata, gli stipendi in ritardo ed uno sciopero proclamato per il prossimo 21 febbraio (4 ore), la convivenza fra datore di lavoro e dipendenti non si può definire tranquilla. Trotta Bus, insomma, oltre a gestire il tpl cittadino, continua ad impensierire e, mentre il Comune alla finestra osserva il decadimento del servizio, il capogruppo pd a palazzo Mosti si fa interprete del disagio con una interrogazione urgente a risposta scritta ed orale al sindaco Mastella ed all'assessore alla mobilità Felicita Delcogliano.

Di seguito il testo integrale:

"Il sottoscritto Francesco De Pierro, capogruppo del “Partito Democratico” premesso che:

la Ditta Trotta Bus Service Spa lo scorso 24 gennaio 2017, si aggiudicava la “Procedura per l’affidamento del servizio di mobilità della città di Benevento” come indicato dalle delibere di Giunta n. 204 del 28.10.2016 e 221 del 21.11.2016 (e successive integrazioni contenute nella delibera numero 240 del 30.11.2016) ricevendo in affidamento l’intero servizio di mobilità della città di Benevento e comprendente Trasporto Pubblico Locale, Trasporto Scolastico, Gestione sosta a raso e gestione sosta Megaparcheggio Via del Pomerio;

l’azienda Trotta Bus Service Spa, pur non essendo obbligata ex lege, si accollava l’assorbimento di tutto il personale in forza all’A.m.t.s. con il mantenimento dei livelli contributivi e retributivi;

considerato che nelle ultime ore, si è appreso dagli organi di stampa che le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil Trasporti hanno congiuntamente proclamato uno sciopero di 4 ore per mercoledì 21 febbraio prossimo, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, a causa dei ritardi nel pagamento degli stipendi al personale dipendente nonché per eventuali verifiche delle condizioni igienico sanitarie; i sindacati hanno informato che in questo stato di emergenza sarà garantito soltanto il servizio di emergenza e pertanto non verrà più effettuato, il servizio navetta da e per lo stadio “Ciro Vigorito” in occasione delle partite interne del Benevento perché lavoro straordinario;

considerato altresì che, l’azienda, nonostante un impegno formale assunto con il personale dipendente per il pagamento delle spettanze di dicembre 2017 entro e non oltre il 2 febbraio 2018, ad oggi, non ha ancora effettuato alcun bonifico; che, per di più, da circa 10 giorni si è appreso – sempre dagli organi di stampa - che è avvenuto anche il distacco dell’erogazione idrica, eseguito da Gesesa per un presunto debito di circa 60mila euro mai saldato da Trotta Bus;

ritenuto che nella delibera di Giunta numero 240 del 30.11.2016 si stabiliva che l’aggiudicatario del servizio avrebbe mantenuto il servizio di sosta e di trasporto scolastico anche oltre la durata del servizio TPL per almeno un biennio (e comunque non oltre il 2021), offrendogli un aggio sulla sosta più elevato di quello offerto nel periodo della concomitanza del servizio con il TPL;

tutto ciò premesso, considerato e ritenuto, si chiede di sapere:

quali siano le intenzioni dell’amministrazione comunale alla scadenza del contratto de quo visto che è stato assegnato il servizio TPL per un anno mentre il trasporto scolastico e i parcheggi per almeno tre anni prolungabili fino ad un eventuale quarto (non oltre il 31 dicembre 2021);

quali siano le intenzioni dell’amministrazione comunale qualora l’azienda Trotta Bus Service dovesse decidere di non essere interessata al nuovo bando per il TPL in attesa del bando regionale centralizzato pur continuando a mantenere la gestione del trasporto scolastico e dei parcheggi o qualora l’azienda, pur partecipando alla gara, non dovesse aggiudicarsi il servizio;

come intende regolarsi l’Amministrazione dinanzi alla inadempienze di Trotta Bus nei confronti della Gesesa;

se, il Comune di Benevento, anche per far fronte a codesto momento di contingenza, è dovuto ricorrere alla procedura di cui all’art.30, comma 6, del D. Lgs n.50/2016 per esercitare i poteri sostitutivi per il saldo delle spettanze arretrate e maturate dai lavoratori;

se, il Comune di Benevento, con il suo potere di controllo ha accertato che l’azienda Trotta Bus Service ha di fatto apportato migliorie al sistema di mobilità e gestione della sosta visto che al momento dell’aggiudicazione, quale elemento migliorativo del servizio offerto, si ravvisava addirittura la possibilità di attivare nuove iniziative di mercato per migliorare i collegamenti tra il capoluogo sannita e l’Alta Velocità” (passaggi riportati nel comunicato stampa ufficiale diramato dal Comune di Benevento in data 24 gennaio 2017);

se, infine, il Comune di Benevento, ha già provveduto ad attivare un concreto tavolo di concertazione per l’ormai più che evidente stato di crisi in cui versa la Trotta Bus, i cui vertici, a detta dei dipendenti, si rifiutano di avere qualsiasi tipo di colloquio o chiarimento sia con le rappresentanze sindacali che con gli amministratori comunali".