Giovane di colore ferito a Benevento. La Questura tace ancora. La politica ha parlato: non tutta

- Opinioni IlVaglio.it
La Questura di Benevento
La Questura di Benevento

Il ferimento a Benevento di un giovane di colore all'altezza del ponte sul Sabato è ancora 'fresco' di cronaca per comprenderne in pieno gli sviluppi a monte e valle, se saranno chiariti dagli investigatori in forma 'ufficiale' – un tipo di comunicazione che la Questura usa fare, offrendo un utile servizio all'opinione pubblica. Comunicazione della quale soprattutto stavolta si avverte sempre il bisogno, per evitare le interpretazioni del silenzio.

Tre o quattro, secondo i vari resoconti ufficiosi, le persone identificate, due di esse denunciate, comunque. E in più, “alla base dell’aggressione non ci sarebbe nessun motivo di natura razziale, ma il tutto sarebbe scaturito per futili motivi”, nella versione che ne dà Ntr24, non la Questura (come abbiamo scritto). E inoltre, “la ricostruzione (sempre giornalistica, del Mattino, e non della Questura – Ndr) chiaramente non è univoca. Lo straniero sostiene di essere stato aggredito mentre si accingeva a far ritorno presso il centro di accoglienza…, i giovani ammettono di essersi solo difesi”. In effetti, la ricostruzione è pure ad alto grado di equivoci.

Per tutta la giornata, però, è stato un susseguirsi di commenti sociali e politici alla vicenda alla luce dell’equazione migranti/razzismo, compreso un presidio a cura del L@p Asilo 31: hanno rilasciato dichiarazioni il presidente della Provincia si Benevento, la lista Liberi e Uguali, la Lega Italiana per i Diritti dell'Uomo-sezione di Benevento, la Cgil, il segretario e candidato del PD Carmine Valentino. Si potrebbe intravedere un sottotesto elettorale, ma non sarebbe corretto negare l'attitudine naturale alla solidarietà complessivamente intesa, che è un patrimonio inestinguibile della politica (di una certa politica) dei diritti e del loro rispetto.

In attesa che la Questura di Benevento comunichi, capovolgiamo lo scenario: tre ragazzi di colore che malmenano un beneventano nei pressi del rione Libertà. Ecco, non sarebbero mancate all'appello delle comunicazioni stampa quelle venute meno dopo il racconto di cui sopra. Pur nel mancato chiarimento ufficiale delle circostanze, e pur nell'eventuale fraintendimento (ma il dato di più persone contro una sola è già sufficiente), il centrodestra e il Movimento 5 Stelle di Benevento hanno brillato per assenza almeno nella condanna, rilanciando con forza la forza della loro insofferenza e ambiguità sul tema.