I contribuenti misteriosi: noti a Benevento, ma introvabili per chi deve riscuotere

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Nuova denuncia di Altrabenevento, associazione per la città sostenibile e contro il malaffare. In una nota a firma del presidente, Gabriele Corona, dopo una valutazione in premessa del risultato elettorale in città, rapportato agli amministratori comunali di maggioranza e opposizione, si espone una vicenda dagli aspetti sconcertanti, stando a quando Corona ha scritto e che di seguito pubblichiamo: Dai risultati delle elezioni politiche risulta che a Benevento il centrodestra a guida Mastella ha avuto un netto calo di consensi rispetto alle ultime amministrative, il centro sinistra è crollato mentre i voti al Movimento 5 Stelle sono aumentati notevolmente.

Il sindaco nega che questo voto rappresenti un atto di sfiducia dei cittadini verso la sua amministrazione ma Nicola Sguera, portavoce grillino, prova a dimostrare il contrario nonostante le percentuali attribuite in città alle due candidate del M5S nei collegi maggioritari di Camera e al Senato, siano nettamente ad di sotto della media della Campania. Quindi il voto al Movimento 5 stelle a Benevento sarebbe solo frutto dell'onda lunga della protesta in tutto il sud e non della opposizione grillina a Palazzo Mosti che in verità, è scialba e contraddittoria.

Ma indipendentemente dalla lettura dei dati elettorali, Vincenzo Sguera, consigliere comunale di maggioranza e coordinatore cittadino di Forza Italia, ammette che l'amministrazione Mastella deve essere molto più incisiva e deve ascoltare di più anche le critiche dei cittadini.

Approfittiamo di questa dichiarata attenzione per la società civile e per la 'cittadinanza attiva' per segnalare all'amministrazione comunale alcune questioni sulle quali sindaco, giunta, consiglieri comunali e dirigenti non possono più tacere.

Ad esempio, il caso SO.GE.T. la società di riscossione tributi che continua ad operare a Benevento nonostante l'Autorità Nazionale Anticorruzione abbia segnalato gravi violazioni commesse nella esecuzione di precedenti appalti in altri comuni e condanne penali per i suoi amministratori.

Il caso è stato segnalato anche durante un recente corso di formazione anticorruzione del Comune di Benevento, ma finora nessun provvedimento è stato assunto dall'amministrazione comunale e quindi la SOGET continua ad operare con procedure davvero misteriose e contraddittorie per riscuotere direttamente tributi comunali per diversi milioni di euro.

Segnaliamo, ad esempio, soprattutto alla Segretaria Generale del Comune di Benevento che attualmente è anche responsabile del Settore Finanze (dopo la rinuncia della vincitrice del contestatissimo concorso), la strana affissione all'albo pretorio online del Comune di Benevento, il mese scorso, di sette comunicazioni con le quali la Soget dalla sua sede di Taranto annuncia di aver depositato presso la nostra "casa comunale" in un solo giorno, 178 notifiche per contribuenti morosi e irreperibili.

Scrive il "responsabile per la riscossione" della società incaricata dal Comune di Benevento che non è stato possibile effettuare la notifica degli atti ai destinatari "attesa l'assenza nel territorio del Comune, di una loro abitazione, ufficio o azienda".

Negli elenchi pubblicati solo per alcuni giorni all'albo online del Comune, compaiono però, anche un notissimo hotel cittadino, una Banca, un accorsato negozio di abbigliamento, una dolciaria ed altre attività commerciali note. Possibile mai che i qualificatissimi notificatori della SOGET non hanno trovato la sede di queste aziende che invece tutti conoscono?

In diversi altri casi, le notifiche ad imprese o artigiani sono state fatte attraverso PEC, come mai la SOGET non è riuscita a farle allo stesso modo per queste aziende ?

Tra i 178 presunti morosi ricercati dalla SOGET ci sono anche moltissimi cittadini che probabilmente non si sono accorti affatto della pubblicazione per alcuni giorni all'albo online del Comune di Benevento degli elenchi con il proprio nome e probabilmente riceveranno atti di ingiunzione e pignoramenti, senza aver potuto produrre eventuale ricorso alla Commissione Tributaria.

E' a conoscenza di questi strani fatti la dottoressa Maria Carmina Cotugno, segretaria generale e Dirigente attuale del Settore Finanze del Comune di Benevento? E potrebbe accertare come mai la SOGET non mostra a diversi contribuenti che vogliono pagare il dovuto, gli atti relativi alla loro presunta morosità? Il sindaco Clemente Mastella, l'assessore alle finanze, Maria Carmela Serluca, i consiglieri di maggioranza ed opposizione, che dicono di questo ennesimo scandalo?