Banda del bancomat tenta la “spaccata” in un ufficio postale della città: 2 arresti

- Cronaca IlVaglio.it

Sono stati trovati in possesso di un ariete artigianale, di un piede di porco, di una pala cava in ferro denominata “marmotta” imbottita di esplosivo e di altri arnesi da scasso occultati all’interno delle due auto a bordo delle quali viaggiavano, rubate poco prima, i due pregiudicati foggiani arrestati nella notte dagli uomini della Squadra Volante della Questura di Benevento.

I due uomini, un 48enne e un 39enne di Foggia, nella notte intorno alle 2 sono stati notati da un equipaggio della Volante in sosta all’interno di due auto, che sono poi risultate provento di furto, a pochi metri di distanza da un ufficio postale nei pressi del Rione Libertà. Insospettiti dall'atteggiamento dei due uomini, i poliziotti con il supporto di un secondo equipaggio, hanno deciso di procedere al controllo delle due autovetture. Gli uomini, alla vista degli agenti, hanno cercato invano di darsi alla fuga ma sono stati prontamente bloccati dagli operatori. Sottoposti a controllo sono stati trovati in possesso di passamontagna, guanti torce e di un cacciavite di circa 40 centimetri. Inoltre, nel bagagliaio di una delle due auto, il personale ha rinvenuto un ariete artigianale solitamente utilizzato per la rottura di pareti murarie e porte blindate. Mentre, adagiato sul sedile anteriore - lato passeggero, gli agenti hanno trovato una pala cava artigianale in ferro comunemente denominata “marmotta” contenente materiale esplosivo ad alto potenziale, del tipo tritolo, con apposita miccia di accensione all’estremità. Infine, nel sedile posteriore dell’auto era occultato un secchio pieno di chiodi di ferro a stella che i malfattori avrebbero sicuramente usato per coprirsi la fuga indisturbati dopo aver piazzato il colpo.

Al termine degli accertamenti, conclude la nota diffusa alla stampa, i due pregiudicati con a carico numerosi precedenti di polizia specifici per furto, rapina e possesso abusivo di armi ed esplosivi sono stati tratti in arresto dal personale della Squadra Volante per i reati di furto in concorso, porto abusivo di esplosivo e strumenti atti allo scasso. Espletate le formalità di rito, su disposizione del Pubblico Ministero, sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Benevento a disposizione della Autorità Giudiziaria competente, mentre tutto il materiale rinvenuto è stato posto sotto sequestro ad eccezione del materiale esplosivo preso in carico dal gruppo artificieri dell’ Upgsp di Napoli.