Benevento - Approvati studi di fattibilità per la riqualificazione urbana

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
L'area degradata di Piazza Commestibili
L'area degradata di Piazza Commestibili

Scrive l'ufficio stampa del Comune di Benevento: – La Giunta comunale, presieduta dal sindaco Clemente Mastella, ha proceduto all’approvazione degli studi di fattibilità tecnico-economica dei progetti di cui alle economie ai sensi del decreto della Giunta regionale n. 626/2017 relative a risorse rinvenienti dalla certificazione dei cd. progetti retrospettivi/conformi al PO FESR 2007/2013. Il residuo di programmazione accertato ammonta 3.011.478,23 euro e la proposta di riutilizzo inviata alla Regione Campania prevede:

  • la riqualificazione delle aree pedonali e delle aree ludiche mediante l’integrazione o sostituzione degli elementi di arredo urbano e delle attrezzature (230.000,00 euro);
  • la valorizzazione del perimetro delle Mura Longobarde mediante illuminazione scenica e dedicata (400.000,00 euro);
  • la riqualificazione e il recupero della attuale Galleria Malies alla funzione originaria di mercato ortofrutticolo cittadino da destinare a esposizione e vendita dei prodotti agricoli delle contrade e dell’eccellenza del Sannio (1.000.000,00 euro);
  • la riqualificazione dei percorsi pedonali, l’eliminazione delle barriere architettoniche e riparazioni localizzate del manto stradale a garanzia della circolazione in sicurezza dell’area di viale Atlantici, viale Pacevecchia e strade limitrofe (400.000,00 euro);
  • la riqualificazione dei percorsi pedonali, l’eliminazione delle barriere architettoniche e riparazioni localizzate del manto stradale a garanzia della circolazione in sicurezza dell’area dei quartieri Mellusi, Cretarossa e svincolo Capodimonte (500.000,00 euro);
  • la riqualificazione delle aree a verde pubblico di rilevante pregio al’interno del perimetro urbano, e in particolare dell’Hortus Conclusus e dei giardini Piccinato (270.000,00 euro);
  • la riqualificazione, a seguito di atti vandalici, degli immobili compresi nella Spina Verde, al rione Libertà, e l’installazione di dispositivi di sicurezza e enti effrazione (211.478,23 euro).