Eh no, senza Santamaria non si può! Sarà a capo del Gabinetto del Sindaco Mastella

- Politica Istituzioni di Giovanni Festa
Santamaria in campagna elettorale al fanco del suo candidato sindaco Del Vecchio
Santamaria in campagna elettorale al fanco del suo candidato sindaco Del Vecchio

Provvede la Delibera di Giunta Comunale n. 180 del 22 agosto 2018 a fornire i dettagli dell’aspetto “tecnico” riguardante l’arrivo di Gennaro Santamaria nei ruoli del personale del Comune di Benevento, nella qualità di comandato/assegnato (a tempo) dalla sua amministrazione di provenienza (l’Inps). Santamaria va a ricoprire un ruolo di funzionario e, ben oltre i “malumori in maggioranza” patiti qualche tempo fa quando... serpeggiò solo l'ipotesi del suo arrivo, l’approdo in questione – oggi concretizzatosi – nasce, appunto sulla carta, da una conclamata esigenza amministrativa che si rivela propizia per “fronteggiare la carenza di una figura apicale presso l’Ufficio di Gabinetto del sindaco e procedere alla riorganizzazione dello stesso”. Ovvero vengono sommati aspetto ‘burocratico’ e politico, dal quale ultimo comunque non poteva prescindersi affatto in virtù del curriculum di Santamaria, che vanta risaputa ‘anzianità’ nel settore ma anche salti carpiati con elevati coefficienti di difficoltà a giustificare militanze ora nel centrodestra ora nel centrosinistra.

Quest’ultima spiaggia è dunque mascherata e però anche scoperta. L'assunzione a orologeria, che deve essersi resa necessaria causa l'assenza (?) di simili figure nei ranghi dei dipendenti di palazzo Mosti, che deve essere stata motivata da un difetto di funzionamento dell'importante ufficio così impellente ma anche tollerato fin troppo a lungo (dal 2016...), fonda – va riconosciuto - su un’esperienza solida: l’ultimo incarico di Santamaria, non da poco, era la responsabilità della segreteria politica del ministro dell’Ambiente Galletti, nel Governo Gentiloni, prima del (paventato) ritorno nell’anonimato del lavoro ordinario dei dipendenti pubblici.

Un anonimato davvero relativo, perché puntualmente lenito, proprio in dirittura d’arrivo del centrosinistra di Governo respinto dalle urne di marzo 2018, dalla comsolazione di un ulteriore incarico (prefigurandosi appunto la debacle elettorale), cioè la nomina a Presidente del Comitato di Gestione Provvisoria dell’Ente Geopaleontologico di Pietraroja (7 marzo 2018) in virtù dell’autorizzazione allo svolgimento di tale incarico da parte dell’amministrazione di provenienza. Tutto regolare, ovviamente, anche se un po’ fa specie – così, per mera opportunità - che il Decreto in questione rechi la firma del Ministro dell’Ambiente dell’epoca, e cioè il ricordato Galletti.

Ora c'è la sua nuova avventura, che è una sorta di happening politico perché ritorno al passato ‘democristiano’ grazie al ricongiungimento con uno degli ispiratori della sua azione, quel Clemente Mastella che ha ‘allevato’ intere generazioni di statisti con ambizioni di crescita, con fortune alterne così come alterno è stata la riconoscenza che esse gli hanno tributato.