Sarà la Federazione a sciogliere l'enigma della serie B. Intanto, il campionato va avanti: giallorossi contro la Cremonese

- Sport IlVaglio.it
foto di repertorio
foto di repertorio

Il riassunto delle puntate precedenti è semplicissimo: la serie B del calcio è un guazzabuglio, dove si sono date battaglia le più disparate scuole di pensiero, da quello giuridico a quello regolamentare. Col risultato (giusto per esumare almeno un termine 'sportivo') di vivere e far vivere una stagione all'insegna dell'incertezza. Che poi può essere tradotta anche con 'approssimazione'. In quella che appare ormai una novela dalla trama sgangherata, un elemento chiarificatore (e possibilmente decisivo) lo porterà il Consiglio federale della federazione Gioco Calcio, al cui vertice si è da qualche giorno insediato Gabriele Gravina. Martedì 30 ottobre, infatti, è convocato, alle ore 11, l'organismo suddetto (“...l'unico organo per statuto competente a decidere”, ma chissà se in via definitiva...), nel cui ordine del giorno fa bella mostra di sé il decisivo punto: “Ordinanze del TAR Lazio in ordine al format del Campionato di Serie B 2018/2019 – provvedimenti conseguenti”. Il pallone, quindi, ritorna fra le mani di chi lo tratta per definizione e come compito istituzionale. Se l'antecedente è la sentenza del tribunale amministrativo che ha ricondotto il torneo cadetto alle 22 squadre, il provvedimento che è diretta conseguenza di quanto si è affermato in precedenza pare proprio già scritto... Consiglio di Stato permettendo. Giova solo ricordare che la 'resistenza' della Lega di serie B si fonda sull'assoluta contrarietà delle 19 società iscritte al campionato a rimettersi in gioco allargando la platea dei competitori, con otto giornate già materiale d'archivio.

Sopra, sotto, di lato, in mezzo a tutto ciò c'è pure il calcio giocato. Che prevede nel lungo fine settimana lo spezzatino della nona giornata di andata, ed un Benevento finalmente pomeridiano in contrada Santa Colomba, chiamato a dare continuità di risultato alla ripresa in tal senso palesata contro il Livorno. Certo, ci si aspetterebbe anche il gioco, ma può attendere se c'è almeno il conforto dei tre punti. Lo squilibrio, però, non può reggere a lungo.