Nuova maggioranza alla guida della Provincia di Benevento e vecchio camaleontismo

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
Barone e Rubano
Barone e Rubano

E' talmente naturale il camaleontismo in politica che la presenza di Luigi Barone al banchetto dei vincitori delle recenti elezioni provinciali nel Sannio è stata digerita con la facilità propria dell'attuale stagione, dal livello nazionale a quello locale, cosiddetta del “cambiamento” (stile Gattopardo). Che, in effetti, ha interessato anche la componente rappresentata dal citato ceppalonese, consigliere delegato del presidente della Regione De Luca per la Sicurezza delle Universiadi 2019 ed al tempo stesso “nostro sostenitore”, come ebbe a ricordare il mastelliano Antonio Di Maria all'atto della presentazione della sua candidatura alla presidenza della Rocca, lo scorso 19 ottobre.

Non chiediamoci, naturalmente, quale componente Barone rappresenti: eravamo rimasti al Nuovo Centro Destra ormai estinto, ma in realtà c'è un ulteriore superamento della logica politica, perché lo stesso Di Maria, ringraziando dopo la sua elezione, non ha mancato di citare, oltre il sostegno dichiarato di Mastella, “tutti i partiti che mi hanno sostenuto, Forza Italia, Fratelli d’Italia, la Lega e Luigi Barone”. In quest'ultimo caso, dunque, siamo alla forma-persona di un'associazione.

La curiosità di quest'aspetto strategico che senza errore potrebbe collocarsi davvero “in mezzo al guado” è nella figura, per esempio e per restare nei pressi della Rocca dei Rettori, di Francesco Maria Rubano, a questo punto già giovane vicepresidente per tutte le stagioni.

La stagione del centrosinistra, intanto. Eccolo a marzo 2017, dopo la nomina: “Ringrazio il Presidente della Provincia, Claudio Ricci, per la fiducia accordatami. Un ringraziamento doveroso lo rivolgo anche agli autorevoli dirigenti del Partito Democratico, Umberto Del Basso De Caro e Carmine Valentino, per aver riconosciuto il giusto peso politico alla nostra componente Ncd – Area Popolare, fortemente rappresentata da Luigi Barone” (in proposito si può leggere: http://ilvaglio.it/article/5107/la-velocita-del-presidente-della-provincia-nomine-in-meno-di-due-mesi-il-giovanevecchio-ru.html).

Oggi, in Provincia di Benevento almeno (da essa Napoli è lontana), Barone si è ricollocato e per la proprietà transitiva (“...la mia vittoria è la vittoria di Luigi Barone; lo ringrazio per avermi candidato, per avermi sopportato, per avermi sostenuto... “, gennaio 2017) Rubano apre la sua nuova stagione, destinatario (Il Mattino del 14 novembre) della delega alle Infrastrutture. Riuscendo, insomma, a ottenere un altro prezioso primato, quello di rivestire della natura umana un modo di dire: “cadere in piedi”.