Aggressione agli autisti dei bus urbani, la condanna

- Cronaca IlVaglio.it
foto di repertorio
foto di repertorio

Fioravante Bosco, segretario generale aggiunto della Uil Avellino/Benevento, e Cosimo Pagliuca, segretario generale aggiunto della Uil Trasporti Avellino/Benevento, in riferimento all’aggressione perpetrata ai danni di due autisti della ditta Trotta, che gestisce il trasporto pubblico locale nella Città di Benevento, hanno in una nota espresso ferma e convinta solidarietà ai lavoratori dell’Azienda. “Oggi, più che mai – queste le loro dichiarazioni – vi è bisogno di interventi mirati affinché gli utenti che non vogliono pagare il biglietto possano essere messi nella condizione di non salire sui mezzi pubblici. Per non parlare di coloro che non pagano e minacciano pure il personale viaggiante. Si facciano i controlli per qualche tempo per estirpare questo malcustume, poiché la misura è ormai colma!”.

Alla base appunto il doppio episodio accaduto durante la mattinata, così riassunto in una nota dalla stessa ditta del trasporto pubblico locale: “Due nostri dipendenti, mentre svolgevano la regolare attività di verifica dei biglietti, sono stati aggrediti. Il fatto è avvenuto questa mattina tra le 7 e le 10. Un episodio di una gravità pazzesca, che testimonia come l’allarme lanciato da noi nei giorni scorsi in merito all’evasione dei ticket sui bus sia fondato e concreto. La nostra attività anti evasione, che a breve partirà anche a livello di comunicazione fa paura a chi da anni prolifera nell’irregolarità e questo episodio ne è un ulteriore dimostrazione. La nostra solidarietà va ai nostri due valorosi dipendenti, che per fortuna se la sono cavata senza gravi conseguenza. Facciamo anche appello all’amministrazione, ai cittadini e al mondo sindacale di Benevento: fatti come questo devono essere stigmatizzati trasversalmente, non possiamo permetterci né strumentalizzazioni ne focolai che portano ad episodi come questo, è in gioco il bene dei cittadini e del trasporto pubblico. Sarà impegno dell’azienda fornire ai dipendenti gli strumenti e l’appoggio necessario per far combattere fenomeni di questo genere e ripristinare la legalità nel trasporto pubblico locale ”.