Mastella ribadisce “l’assoluta potabilità dell’acqua distribuita a Benevento”, ma Altrabenevento insiste e convoca una conferenza stampa

- Ambiente Sanità IlVaglio.it
Vincenzo Fioretti e Sandra Sandrucci del Coordinamento di Altrabenevento
Vincenzo Fioretti e Sandra Sandrucci del Coordinamento di Altrabenevento

L’ufficio stampa del Comune di Benevento scrive: “Convocata dal sindaco di Benevento Clemente Mastella, questa mattina si è tenuta a Palazzo Mosti una riunione, a cui hanno partecipato i rappresentanti dell’Asl, dell’Arpac e della Gesesa Spa, per un approfondimento sulla questione della potabilità dell’acqua. Nel corso dell’incontro è emersa l’assoluta potabilità dell’acqua distribuita nella città di Benevento. Anche gli ultimi campionamenti effettuati lunedì scorso dall’Asl sulla rete di distribuzione hanno infatti dato i seguenti valori: 0,7 microgrammi per litro a piazza Basile (rione Ferrovia) e 1,1 microgrammi per litro in via Piccinato (rione Libertà). Valori ben al di sotto, quindi, del limite di 10 microgrammi per litro stabiliti dal DL 31/2001 («Attuazione della direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano») e successive modifiche.

In ogni caso, al fine di garantire un’ulteriore e maggiore tutela, si è stabilito che la Gesesa Spa e l’Asl (con il supporto analitico dell’Arpac) effettueranno un ulteriore monitoraggio direttamente sulle fonti di approvvigionamento di Campo Mazzoni e Pezzapiana".
***
Mezz’ora dopo la diffusione del comunicato ufficiale del Comune, il Coordinamento di Altrabenevento, l’associazione che in questi giorni ha fatto una preoccupata denuncia in merito, ha diffuso una propria nota in cui è scritto: “Dopo le segnalazioni di Altrabenevento tutti (tranne 'Gazzetta di Benevento') riconoscono che nell'acqua servita alla parte bassa della città c'è il tetracloroetilene ma si affannano a dichiarare che si tratta di quantitativi consentiti dalla legge, senza precisare che i valori trovati sono al limite del Valore Soglia per la buona qualità delle acque profonde (D.Legs 30/2009).

La Commissione Consiliare Ambiente che in tre anni non ha mai parlato della qualità dell'acqua e del funzionamento dell'acquedotto comunale, ieri si è riunita per pretendere qualche chiarimento e i dati che sul sito della Gesesa sono fermi da diversi mesi. Insomma, l'acqua, bene essenziale per la vita, a Benevento rimane un mistero!

Le polemiche di questi giorni nate dalle nostre dichiarazioni hanno aperto un piccolo squarcio nella cortina di disinformazione, assolutamente intollerabile su materia tanto importante. I cittadini hanno il diritto di avere dati certi sulla qualità dell'acqua e capire da dove arriva, come viene distribuita, perché nella parte alte della città c'è acqua buonissima ed invece nei rioni Ferrovia e Libertà arriva acqua di scarsissima qualità. Venerdì 7 dicembre ore 15,30 nel Bar 14/B in Viale Atlantici, Conferenza stampa di Altrabenevento su: Provenienza del Tetracloroetilene; Difetti di trattamenti di disinfezione; Parametri di durezza, presenza di minerali disciolti e nitrati; L'acqua del Biferno e quella dei pozzi Pezzapiana e Campo Mazzoni; La gestione della Gesesa.

La partecipazione è libera. Il sindaco Clemente Masella e il presidente di Gesesa, Luigi Abbate che hanno rifiutato il nostro invito al confronto pubblico, sono comunque invitati alla Conferenza Stampa".