Ianaro, M5S - Acqua al tetracloroetilene a Benevento: si accertino cause e responsabilità

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
Angela Ianaro
Angela Ianaro

Fa ancora discutere e preoccupare la questione denunciata dall'associazione Altrabenevento, relativa alla riscontrata presenza di tetracloroetilene, un solvente molto pericoloso per la salute umana, nei pozzi che alimentano l'acqua bevuta da una larga parte dei beneventani. Il sindaco del capoluogo, Clemente Mastella, invero, ha rassicurato, ma la questione non è stata risolta, anche perché non si sa da dove arrivi quel cloruro. Ebbene oggi in merito interviene oggi la deputata sannita del Movimento 5 Stelle, Angela Ianaro, con una nota della sua segreteria nella quale è scritto: “A seguito delle notizie allarmanti diffuse dai social media e da organi di stampa locali, ho deciso di presentare una interrogazione a risposta scritta rivolta al Ministro dell’Ambiente Costa ed al Ministro della Salute Grillo affinché il Governo faccia chiarezza su quanto starebbe accadendo a Benevento, dove la salute dei cittadini va tutelata e salvaguardata senza alcuna ombra circa la potabilità dell’acqua erogata in città e provincia!” spiega la Portavoce M5S Angela Ianaro che segue con apprensione l’evolversi della vicenda, cercando di acquisire gli elementi utili per capire cosa causerebbe la presenza degli inquinanti.

“Ho letto che l’Arpac avrebbe confermato che sono state trovate più volte tracce di tetracloroetilene nei pozzi di Pezzapiana e Campo Mazzoni, i quali alimentano il rione Ferrovia, il rione Libertà e il centro storico di Benevento, aggiungendo pure che l'acqua è sicura, ma senza indicare tuttavia quale sia il parametro di riferimento utilizzato, un dato invece fondamentale” dice la parlamentare sannita che aggiunge: “Analizzando i dati contenuti nella relazione dell'Arpac, pubblicata a febbraio 2018, relativa ai valori di sostanze inquinanti riscontrati negli ultimi 12 anni, risulta che il valore soglia di 1,1 microgrammi per litro per verificare l'entità effettiva della situazione di inquinamento, in cui versa il sistema idrico, è stato superato per almeno 20 volte, in periodi che, però, non sono indicati; la presenza di tetracloroetilene è stata accertata, ma non è stata verificata la provenienza del pericoloso inquinante, che raggiungerebbe anche la falda posta a 100 metri di profondità.

Per questo motivo ho ritenuto necessario richiedere all’Esecutivo notizie ufficiali attivando il Comando Carabinieri per la tutela dell'ambiente e promuovendo un monitoraggio capillare dello stato di inquinamento esistente, con particolare riguardo alla natura e alla misura delle sostanze inquinanti. Bere acqua è vitale ed è il gesto più naturale e spontaneo del mondo ed i cittadini devono farlo in assoluta sicurezza, specialmente donne in attesa, anziani e bimbi” conclude Ianaro.