Il conto dell'Incanto natalizio a Benevento diventato salato in corso d'opera

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
Renato Giordano
Renato Giordano

Un giulivo Renato Giordano, prevedibilmente direttore artistico dell'InCanto di Natale e dell'Epifania 2018 in città e, nel complesso, direttore artistico di riferimento dell'amministrazione mastelliana, ha rilasciato una intervista a Ntr24 a commento della ricordata manifestazione esaltandone la capacità di forte attrazione esercitata sui beneventani, il coinvolgimento di massa e di masse “per un evento costato pochissimo”, ritornello ripreso dal sindaco Mastella nell'umida e fredda e ingrata notte dell'Epifania che tutte le feste nazionalpopolari s'è portata via.

In effetti, è così solo a prima vista ed in tale ottica – del budget ridotto da un anno (2017: 133.000 euro) all'altro (2018: 78.873 euro, fissato con una delibera del 6 dicembre) – Il Vaglio è già intervenuto (leggi).

Invece, a ulteriore testimonianza di come un impegno primario della Giunta di palazzo Mosti sia quello di non sottrarsi mai al capitolo 'divertimento e brioches', tantomeno di vedersi ridimensionata in tal senso, il costo dell'InCanto s'è d'improvviso dilatato sino quasi a raggiungere il valore dell'impegno del 2017. Ha toccato, infatti, con una opportuna 'rimodulazione' del piano finanziario illustrata nella Delibera 253/2018 del 28 dicembre scorso, quota 130.000 euro, frutto del “congruo contributo” richiesto al Presidente della Giunta regionale campana, l'aborrito (in altri casi) De Luca. Palazzo Santa Lucia, infatti, con propria deliberazione (883/2018) del 19 dicembre, quindi successiva alla prima stesura dell'incantevole programma cittadino, ha preso atto delle iniziative finanziate (fondi Legge regionale 28/2018) e gli uffici regionali, per le “vie brevi”, hanno comunicato a palazzo Mosti l'ingresso dell'InCanto fra quelle cui sarebbe stato destinato un contributo massimo pari al 50% della spesa complessiva prevista.

Salita, appunto perché 'rimodulata', da 78.873 a 130.000 euro, con l'inserimento, rispetto al precedente piano finanziario, di altre voci, come ad esempio le luminarie nelle periferie (17.000 euro), il Villaggio Incantato nelle periferie (15.400 euro) o le esibizioni di artisti di strada (14.000 euro).

Ma, attenzione, “avendo avuto comunicazione del finanziamento concesso solo il 27 dicembre”, non è stato possibile, all'organizzazione, “realizzare alcune iniziative” (appena citate, e tra queste quelle che avrebbero dovuto 'esportare' oltre il centro cittadino l'atmosfera di festa): la Giunta ha deciso allora di convogliare le “risorse su Fine anno, Capodanno ed Epifania”. Ovvero, ponendo una fetta corposa, 57.580 euro, sotto un’unica voce: “Concerti (di fine anno, Capodanno, Epifania)”.

Ecco dunque l'origine dell'annuncio di San Silvestro di Picucci, ed ecco Pequeno, Ricciardi, Radio Company e compagnia bella, gentilmente offerti dalla Regione Campania. E, di conseguenza, tali da far esultare il Giordano per l'evento, “costato pochissimo”.