Scuole di Benevento esposte al rischio sismico: Mastella continua soltanto a parlarne...

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Funziona così: ogni volta che c'è una scossa di terremoto, più o meno vicina a Benevento, il sindaco Clemente Mastella convoca una riunione e fa emanare un comunicato stampa. Intanto, da settembre, ha deciso di aprire 19 scuole d'infanzia, elementari e medie, mentre si sta finalmente accertando se esse siano sicure o meno. Non lo si sa ancora, un dirigente comunale mesi fa ha dichiarato che, forse, lo si saprà a metà del 2019, probabilmente ad anno scolastico terminato. Abbiamo, invano, chiesto a Mastella, a settembre, di adottare la minima norma di prevenzione della salute e della vita di scolari, docenti e operatori delle scuole cittadine, tuttora non censite come sicure. Non l'ha fatto e nemmeno sono intervenuti sul sindaco in tal senso le altre autorità statali presenti sul territorio: magistratura, forze dell'ordine, prefettura, tutti a guardare. Tutti fermi.

Tutti evidentemente speriamo che nulla accada, ma non è sulla fortuna che si può e deve puntare. Ne abbiamo trattato ampiamente in un articolo pubblicato sul Vaglio a settembre (clicca qui per leggerlo); e abbiamo insistito in tanti altri successivi (in particolare, per quanto sta accadendo all'Istituto Moscati). E siamo molto preoccupati perché tutti qui sappiamo - in primo luogo le autorità - che quello di Benevento è uno dei territori esposti al massimo rischio sismico in Italia. E perché in materia Mastella parla ma non fa: esordì infatti da sindaco appunto dicendo nel 2016 (dopo il sisma ad Amatrice) asserendo che, se non si fosse preventivamente accertato della loro sicurezza, non avrebbe riaperto le scuole in città...

Com'è noto, sabato sera, il comune caudino di Forchia è stato l'epicentro di una scossa di terremoto, per fortuna di bassa intensità, benché avvertita in un territorio molto vasto. Ed ecco arrivare, puntuale, oggi il consueto comunicato stampa da Palazzo Mosti, che nulla dice di nuovo, sulla questione.

Ancora non si sa, infatti, se le 19 scuole cittadine siano sicure o vadano chiuse perché esposte al rischio sismico, ma i bambini anche stamattina, dopo le vacanze natalizie, in quegli edifici sono entrati e per tante ore al giorno continueranno a entrarvi.

Di seguito il comunicato ufficiale del Comune di Benevento: "Convocato dal sindaco Clemente Mastella, questa mattina si è tenuto a Palazzo Mosti un tavolo tecnico sulla questione della vulnerabilità sismica degli istituti scolastici. Nel corso dell’incontro, a cui hanno tra l’altro partecipato anche gli assessori Mario Pasquariello e Rossella Del Prete, il dirigente del Settore Opere Pubbliche Maurizio Perlingieri e la dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale Monica Matano, è stato avviato un confronto costruttivo tra il Comune, l’Ufficio Scolastico Provinciale e i dirigenti scolastici dei vari istituti interessati per definire un piano strategico teso a risolvere eventuali problemi che dovessero emergere al termine delle verifiche sulla vulnerabilità sismica attualmente in atto".