Sindaco e parlamentari, inviti, rifiuti e baruffe politiche: parole in libertà

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Lungi dal voler offrire la sponda per una difesa d'ufficio: i parlamentari del MoVimento Cinque Stelle del Sannio sapranno certo cavarsela da soli nel giustificare - ritenendo opportuno farlo, evidentemente - la loro assenza alla riunione di palazzo (Mosti), convocata dal sindaco di Benevento Mastella alla quale, invece, hanno preso parte il consigliere regionale del Pd Mortaruolo e i parlamentari Lonardo (senatrice, FI) e Del Basso De Caro (deputato, Pd) per discutere di scuole, depurazione e ponte San Nicola, ovvero tre temi piuttosto 'caldi' che hanno messo o stanno mettendo alle strette la comunità cittadina.

Si presuppone, infatti, che quando l'ufficio stampa del Comune scrive, mercoledì 17 gennaio, “si informa che domani, 18 gennaio, alle ore 11 si terrà una riunione istituzionale a cui sono stati invitati tutti i parlamentari nazionali e regionali sanniti”, di detto invito sia stata ottenuta conferma. Nel qual caso l'intemerata del primo cittadino contro i “nemici del popolo (beneventano)” avrebbe un senso e una giustificazione. In caso contrario, cioè di una pura e semplice convocazione per quanto 'territoriale', beh... l'assente non avrebbe torto (perché magari impegnato altrove) e il sindaco avrebbe colto la solita buona occasione per rimarcare differenze e dividere il suo mondo politico in buoni e cattivi.

D'altra parte, sostenere che i grillini sanniti ospiti nei palazzi istituzionali siano lontani dalle vicende di casa è davvero un'esagerazione...
***
Danila De Lucia: “Sofonisba Anguissola (Cremona, 1532 – Palermo, 1625) fu una delle prime esponenti femminili della pittura europea, rappresentando la pittura italiana al femminile”.

Sabrina Ricciardi: “Tav? E' una follia! Piuttosto il Sud necessita di investimenti viari", ho tuonato finalmente al Tg 2 e al Tg1. Semmai la si costruisca al Sud la Tav: ci hanno trattato sempre come una colonia ed ora è giunta l'ora di cambiare rotta”.

Angela Ianaro: “Gli stipendi dei Commissari europei sono uno schiaffo agli oltre 100 milioni di poveri in tutta l’Unione europea”.

Pasquale Maglione: “Reddito di cittadinanza... Fatto! Quota 100... Fatto!”.