Renato, Renato, Renato... Svelata Città Spettacolo Teatro: assonanze, denominazioni, compensi

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
Renato Giordano
Renato Giordano

Beata ignoranza, la nostra. Abbiamo creduto che l’applaudito e trascinante spettacolo di Nino Frassica, lo scorso 27 agosto in piazza Roma, fosse parte integrante, ancorché così pubblicizzata, del programma della XXXIX edizione del Festival Benevento Città Spettacolo. O che a essa andasse ascritta anche l’anteprima di “Divorzio alla romana” di Stefano Reali per la regia di Renato Giordano, in scena al teatro San Nicola 28 e 29 agosto. E magari anche l’anteprima nazionale di “Una relazione per l’Accademia”, di Franz Kafka, diretta e interpretata da Marina Confalone al Teatro De Simone il 26 e 27 agosto, omaggiata anche con la proiezione cinematografica, o “Il cigno nero ed il cavaliere bianco”, di e con Roberto Napoletano, all’Hortus Conclusus lunedì 26 agosto. E invece…

Questi - e qualche altro appuntamento - hanno fatto, a piacevole insaputa naturalmente di chi ne goduto la visione, da... apripista a “Città Spettacolo Teatro”, i cui eventi e organizzazione tecnica e artistica sono stati affidati all’Associazione Dietro le Quinte, con sede in Benevento, e la direzione artistica a Renato Giordano per un compenso lordo di 17.763,20 euro che si aggiunge a quello di 10.150,40 per il medesimo incarico, ma come direttore artistico della XXXIX edizione di Benevento Città Spettacolo.

Questi e altri appuntamenti hanno infatti costituito la “rassegna estiva” di Città Spettacolo Teatro, pur rientrando nel Festival che fu di Gregoretti, il cui calendario d’eventi non fa emergere, per incapacità nostra a comprendere è ovvio, la sottile distinzione fondata sulle assonanze fra le denominazioni delle due manifestazioni. In parte unificate o sovrapposte (Giordano ora svela la “rassegna invernale” di Città Spettacolo Teatro), ma diverse; con fonti diverse (le delibere di Giunta comunale n. 175 e 176 del 30 luglio 2018) ma costi più o meno simili (240.000 euro Benevento Città Spettacolo n. 39; 274.000 euro Benevento Città Teatro) – le differenze da ripianare con entrate varie, dalle sponsorizzazioni agli incassi da biglietteria; con finanziamenti al solito proprio penalizzanti da parte della Regione Campania matrigna (150.000 euro per Benevento Città Spettacolo n. 39 e 250.000 euro per Città Spettacolo Teatro – ovvero il 78% della spesa: insomma i piagnistei sulla penuria di risorse assegnate...).

Dunque, un bel mezzo milione di monete uniche europee (con ampia copertura ‘esterna’, che ricalca un po’ quelle faraoniche degli anni passati) per lo spettacolo in città tutto l’anno. E tutto insieme, appassionatamente.