Foggia - Benevento: due tempi, il maltempo e il dubbio su chi fosse in superiorità numerica

- Opinioni IlVaglio.it

Nella mente volteggiano ancora quegli interrogativi dovuti forse al maltempo che ha creato problemi nella visione su Dazn. Dallo schermo, infatti, non si riusciva a capire quale delle due squadre in campo a Foggia fosse in inferiorità numerica. E, di contro, chi esercitasse una superiorità sull'altra. L'arcano è stato risolto solo al novantacinquesimo quando sempre una delle due squadre a denti stretti ha espresso soddisfazione per il punto conquistato, che le ha permesso di allungare la serie positiva a nove risultati utili, e perdere una posizione in classifica invece di guadagnarne una come la metà dei punti persi sul terreno di gioco.

Peraltro dallo schermo sono addirittura tracimate le vorticose capacità offensive di una delle due squadre in campo e solo a prima vista sono apparsi inefficaci quegli schemi che, studiati a tavolino attentamente nei giorni antecedenti la partita, prevedevano di buttare la palla in area nella speranza che qualcuno incespicasse su di essa facendola carambolare in una rete.

Tanto più vero che è apparso quasi uno sgarbo che una delle due squadre avesse segnato solo per uno svarione difensivo dell'altra. Anzi, lo svarione è stato doppio ed è accaduto a tutte e due le squadre, solo che una di esse poteva affidarsi ormai solo al risaputo piede sinistro di un atleta 'bravino' nel calciare da fermo e l'altra aveva una sorta di imperativo morale da rispettare, quello di evitare sciocchezze e distrazioni e cali di concentrazione. Ma si sa, il turbinio delle immagini dovuto al forte vento deve aver rimescolato la visione.