Petizione a Benevento per la chiusura cautelare di 2 pozzi di acqua potabile

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
Via Napoli al Rione Libertà di Benevento
Via Napoli al Rione Libertà di Benevento

Scrive per l’associazione ambientalista Altrabenevento Sandra Sandrucci: Da novembre scorso segnaliamo la presenza di tetracloroetilene, un pericoloso inquinante, potenzialmente cancerogeno, nei pozzi di Pezzapiana e Campo Mazzoni di proprietà del Comune di Benevento ed utilizzati per fornire acqua agli abitanti dei rioni Libertà, Ferrovia e Centro Storico. L'amministrazione Mastella continua a ripetere che l'acqua è potabile ma l'ARPAC (Agenzia Regionale Protezione Ambientale della Campania) ha accertato che in quei pozzi il Tetracloroetlene e il Triclorometano (Cloroformio) hanno superato la Soglia di Contaminazione delle acque profonde.

La Gesesa (la SPA che gestisce il servizio idrico in città, NDR) assicura invece che l'acqua è buona ma ancora non rende noti i risultati degli esami fatti a dicembre e gennaio da un laboratorio accreditato mentre diffonde quelli del suo laboratorio convenzionato che non è iscritto ad Accredia-Ente Italiano di Accreditamento per gli accertamenti sul tetracloroetilene. .

Il Comune di Benevento continua a garantire che quell'acqua è buona ma su richiesta della Regione - Servizio Ecologia - ha affidato ad un laboratorio privato l'incarico per ulteriori accertamenti intorno ai pozzi che però risultano inutili considerato che l'inquinamento riguarda tutta la falda sotto la città.

La Provincia di Benevento ha chiesto all'ARPAC, a tutela della salute pubblica, di effettuare esami e controlli anche sui 23 pozzi privati del rione Ferrovia che utilizzano la stessa acqua.

La Procura della Repubblica di Benevento ha aperto una inchiesta, diversi tecnici privati e l'Università si candidano ad effettuare ulteriori studi ma intanto agli abitanti dei rioni Libertà, Ferrovia e del Centro Storico viene ancora servita l'acqua proveniente da siti contaminati che Gesesasi fa pagare non a poco prezzo.

Per sollecitare ancora una volta la chiusura dei pozzi di Pezzapiana e Campo Mazzoni, anche in via cautelare, e l'aumento della fornitura di acqua buona dalle sorgenti del Biferno a tutta la città (attualmente da tale acqua buona è servita solo la zona alta della città) abbiamo preparato insieme al Comitato Qualità dell'Acqua a Benevento una petizione che sarà presentata ai cittadini, venerdì 3 maggio con una assemblea pubblica che si terrà alle ore 17,00 presso il Piccolo Teatro Libertà (ex Lazzaretto, angolo via Napoli- via Santa Colomba).