Il Benevento impegnato nell’unica gara inutile della giornata a Brescia, preparandosi ai playoff

- Sport IlVaglio.it
Il presidente del Benevento Calcio, Oreste Vigorito
Il presidente del Benevento Calcio, Oreste Vigorito

Chiude i battenti la stagione regolare della serie B 2018/2019: la trentottesima e ultima giornata, in programma domani 11 maggio con incontri tutti al medesimo orario (alle 15), servirà a sciogliere gli ultimi dubbi. Che non sono pochi, rispetto almeno alla certezza che sono solo sei le squadre che nulla hanno più da chiedere ai 90' conclusivi: il Brescia già promosso in serie A, il Benevento quarto matematicamente, Padova e Carpi retrocesse in serie C1, Ascoli e Cosenza che costituiscono oggi il 'centroclassifica' che ha raggiunto la tranquillità.

In tredici, al contrario, lottano per un obiettivo: Lecce e Palermo per la promozione diretta; Pescara, Spezia, Cittadella, Cremonese, Hellas Verona e Perugia per la definizione della griglia dei play/off nei posti dal quinto all'ottavo; Crotone (solo play/out), Salernitana, Livorno, Foggia e Venezia per definire play/out e designare l'ultima retrocessa in via diretta.

Riposando, da calendario, proprio il Cosenza, il panorama delle nove gare del turno permette di scorgere appena un'...intrusa: la passerella che oppone il Brescia padrone di casa ai giallorossi di mister Bucchi, infatti, è l'unica partita che pone di fronte compagini che non devono battersi per qualcosa. Da un ovvio punto di vista è quindi la partita più inutile, in ordine alla quale suonano vuoti i possibili richiami motivazionali, anche se fanno parte dell'armamentario classico di ogni vigilia. Sappiamo, però, che giocheranno il ruolo solo di specchietto per le allodole.

Sarà importante, quindi, per chiunque scenda in campo (mai interesse fu meno acceso per la formazione da schierare), evitare forzature, tenersi lontani da perniciosi cartellini gialli, fuggire contatti a rischio... Eccetera. Insomma, preservarsi per la prima semifinale in trasferta nella terza decade di maggio (se intanto non accade nulla attraverso le carte bollate nei confronti del Palermo), al tempo stesso cercando di onorare l'impegno senza apparire ospiti solo imbucatisi alla festa della promozione lombarda.