La collana di pirla che cinge le campane di vetro e lo sforzo non fatto per pulire attorno - Fotogallery

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

La scena non è inusuale. In attesa che il nuovo contratto di servizio sottoscritto da Comune di Benevento e Asia Spa diventi davvero operativo - e che quindi si approdi alla raccolta porta a porta - le campane verdi in cui confinare il rifiuto-vetro continuano a tintinnare di una gioia cristallina. E comunque hanno bisogno di essere svuotate, di tanto in tanto.
Sappiamo, però, che esse esercitano una irrefrenabile attrazione in chi non riesce a centrare il buco e quindi deposita fuori dalla tazza... Cumuli di buste, infatti, impreziosiscono le basi dei contenitori, ma non vengono disdegnati cartoni ripieni e/o bottiglie sfuse. E, se da entomologi sociali dilettanti si trascorresse un po' di tempo a sbirciare fra i relitti abbandonati, si potrebbero scoprire abitudini e curiosità sbevazzatorie dell'umanità sannita etilicamente varia.

Ma il prezioso monile disegnato da una collana di pirla che circonda il contenitore ingentilisce talmente il quadro che suona come un peccato ritoccarlo in via definitiva... prima del prossimo sfregio, naturalmente. Soprattutto durante le operazioni di svuotamento. L'unica foto a corredo di queste modeste parole è solo un assist per la altrettanto modesta sequenza di immagini nella fotogallery (clicca qui per vederla). Sequenza che si rende necessaria solo per scoprire il lato nascosto (mica poi tanto...) della vicenda. Insomma, il percorso di raccolta vetro con tanto di autogru serve, è vero, a svuotare le campane, ma non serve a ripulire l'ambiente circostante con uno sforzo magari fuori dai contratti, di lavoro o di servizio, ma dentro lo scopo di “offrire soluzioni efficaci a qualsiasi problema di gestione ambientale” attraverso il buon senso e la buona volontà.